L'Abruzzo al Vinitaly 2023. Nicodemi: 'Interesse crescente, a livello internazionale, verso i nostri prodotti'

Si è chiuso il Vinitaly 2023 a Verona, rassegna che ha visto i vini abruzzesi distinguersi durante la kermesse internazionale con un interesse sempre più crescente da parte degli operatori del settore.

Oltre ai tanti momenti istituzionali con la visita e l’apprezzamento al lavoro svolto dai produttori e dal Consorzio, del presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, operatori da tutto il mondo hanno riempito gli spazi dedicati all’Abruzzo, partecipando con interesse a tutti gli appuntamenti in calendario e degustando una quantità importante di vini nell’area tasting dell'Enoteca regionale. I media internazionali hanno inserito l’Abruzzo nei servizi dedicati alla fiera come una tra le regioni più dinamiche del Paese, per i suoi vini e per il suo territorio.

"Siamo soddisfatti e anche orgogliosi della grande visibilità di cui abbiamo potuto godere in questi giorni - spiega Alessandro Nicodemi, presidente Consorzio Tutela Vini -. E' stato davvero un buon Vinitaly che abbiamo organizzato al meglio, in collaborazione con la Regione e i tanti partner che ci hanno affiancato. Con il Modello Abruzzo si delineano, come già detto, l’immagine e l’identità della nostra enologia: sappiamo di poter essere ora più forti e competitivi sui mercati, c’è margine per crescere sempre più anche in qualità e veder finalmente riconosciuti, con il giusto valore, gli sforzi dei viticoltori. Qui le prime conferme: tanti approfondimenti che hanno saputo accendere i riflettori sui progetti più imminenti e sui nostri vini, buyers internazionali interessati ad avvicinarsi maggiormente alle nostre proposte enologiche, molte strette di mano importanti, assaggi ai banchi delle aziende e presso l’area tasting consortile, dibattiti con diversi focus". 

 Le nuove annate hanno riscosso apprezzamenti: Montepulciano d’Abruzzo riconosciuto come uno dei rossi più amati dal mercato, ma molto bene anche i bianchi con la verticale storica sul Pecorino d’Abruzzo che ha attratto i palati più attenti e di cui si è parlato molto. Il Cerasuolo d’Abruzzo continua invece ad affermarsi come proposta rosa molto amata e richiesta.

Il Consorzio, dopo questa quattro giorni, è pronto a ripartire con le tante iniziative sul territorio e nei mercati internazionali più importanti, primo fra tutti l’appuntamento legato al vino e alla cultura, “Fai PERCORSI Slow 2023”, ideato in collaborazione con il FAI Abruzzo e Molise e Slow Food Abruzzo, in calendario per il weekend del 29 e 30 aprile, con l’apertura speciale al pubblico di luoghi d’arte nelle quattro province abruzzesi. 07 apr. 2023

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 630

Condividi l'Articolo