Vinitaly 2023. Consorzio Tutela Vini, Fai e Slow Food insieme per valorizzare vini, vigne e luoghi d'arte d'Abruzzo
GUARDA LE FOTO

Rafforzare la promozione delle unicità del territorio regionale attraverso i suoi vini: è questo l’obiettivo del progetto “Fai percorsi Slow 2023”, ideato dal Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo, in collaborazione con il Fai Abruzzo e Molise e Slow Food Abruzzo. L’evento è stato presentato al Vinitaly di Verona.

Appuntamento a fine mese: la prima edizione del progetto, che avrà cadenza annuale, è in calendario per il weekend del 29 e 30 aprile, con l’apertura speciale al pubblico di luoghi d’arte nelle quattro province abruzzesi.

Il fine settimana vedrà riuniti vignaioli, produttori, allevatori e artigiani alimentari impegnati a raccontare il loro lavoro quotidiano, che si concretizza attraverso produzioni d’eccellenza, spesso uniche nella loro specificità, e ad agire insieme per intercettare un pubblico attento e sensibile, disposto a fare la propria parte per non perdere questa straordinaria biodiversità.

"Il Consorzio da tempo investe anche sul turismo con diverse attività che sappiano raccontare quanto di bello offre la nostra regione - spiega Alessandro Nicodemi, presidente del Consorzio -. Ne è un esempio questo nuovo appuntamento che, con la collaborazione delle delegazioni regionali di Fai e Slow Food, vuole essere il trampolino di lancio di un progetto di marketing territoriale molto più ampio dove enologia e cultura si intersecano”. 

"Fai Abruzzo ha subito condiviso questo progetto - afferma Roberto Di Monte, presidente regionale - perché la tutela e la valorizzazione del paesaggio e del patrimonio culturale passano attraverso la conoscenza diretta e la possibilità di emozionarsi di fronte alla scoperta o riscoperta di testimonianze della nostra storia e della nostra cultura, che anche il vino e il cibo esprimono e rinnovano quotidianamente”.

Saranno 6 gli itinerari per scoprire le meraviglie d’Abruzzo con degustazioni guidate di vini e di altri prodotti agroalimentari ed eventi.

“Con questa iniziativa, unite le forze, proponiamo un’esperienza unica, mettendo al centro i patrimoni della nostra regione, siano essi architettonici, enologici, gastronomici storici, turistici e di risorse umane - sottolinea Raffaele Cavallo, rappresentante legale di Slow Food Abruzzo -. “Non possiamo che essere contenti di questa bella collaborazione regionale con il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo e con Fai e siamo convinti di poter offrire un’esperienza senz’altro completa”.

Questi i “Fai percorsi Slow” del 29 e 30 aprile prossimi:

Bucchianico (CH), Chiostro del municipio e la sala dei Banderesi, visite a cura della Delegazione Fai di Chieti;

Capestrano (AQ), Convento di San Giovanni, visite a cura della Delegazione Fai di L’Aquila;

Città Sant’Angelo (PE), Chiostro di San Francesco, il giardino delle Clarisse e Palazzo Coppa Zuccari, visite a cura della Delegazione Fai di Pescara;

Lanciano (CH), Parco delle Arti musicali (Complesso Torri Montanari), visite a cura della Delegazione Fai di Lanciano;

Montorio al Vomano (TE), Convento degli Zoccolanti, visite a cura della Delegazione Fai di Teramo;

Pollutri (CH), Chiesa incompiuta di Santa Maria del Piano, visite a cura della Delegazione Fai di Vasto.

Orari di apertura:

Sabato 29 aprile dalle ore 15 alle ore 19

Domenica 30 aprile dalle ore 10 alle ore 19

ALESSANDRO DI MATTEO

@RIPRODUZIONE VIETATA 

totale visualizzazioni: 653

Condividi l'Articolo