Atessa. Il coronavirus frena la reindustrializzazione della ex  Honeywell. Baomarc prende tempo

"La direzione della Baomarc ha comunicato che le attività previste dal piano per la reindustrializzazione del sito ex Honeywell di Atessa hanno subito un ritardo di 6 mesi addebitabile alla pandemia Covid-19 tuttora in corso". Così l'assessore regionale alle Attività produttive, Mauro Febbo, in una nota inviata a Fiom, Uilm e Fim. La società ha effettuato la stessa comunicazione al ministero per lo Sviluppo economico. 

"Il ritardo - evidenziano in una nota i rappresentanti dei lavoratori - è dovuto all'emergenza sanitaria in atto, che ha causato un drastico calo delle vendite nel mercato dell'auto. Come Rsu - proseguono - riteniamo inaccettabile questo ulteriore ritardo e, pertanto, in accordo con le segreterie provinciali e nazionali abbiamo richiesto un incontro urgente al Mise e alla Regione abruzzo. La nostra situazione - sottolineano - si sta ulteriormente aggravando a causa della fine, per molti ex dipendenti, degli ammortizzatori sociali. In virtù di tutto questo, visto anche il difficile momento in atto, richiediamo il supporto istituzionale all'assessore al Lavoro Piero Fioretti, per cercare di trovare soluzioni concrete.
Inoltre chiediamo alla Baomarc la ripresa dei colloqui. Facciamo con forza un appello a tutti".

"I lavoratori della ex Honeywell non hanno piu un sostegno economico - ribadiscono -. Dobbiamo cercare una strada per recuperare i grandi ritardi accumulati e soprattutto dobbiamo iniziare a programmare da subito la riconversione del sito ex Honeywell". 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2211

Condividi l'Articolo