Il maltempo mette i ginocchio i viticoltori. E Vasto chiede lo stato di calamità

"Le abbondanti e persistenti piogge delle ultime settimane hanno arrecato gravi danni alle aziende vitivinicole compromettendo l’annata con pesanti ripercussioni economiche per mancata o comunque ridotta produzione delle aziende presenti nel territorio comunale. E' per questo che provvederò a breve ad inviare alla Regione Abruzzo la dichiarazione dello stato di calamità naturale". 

Lo rende noto il sindaco di Vasto (Ch), Francesco Menna che, nel raccogliere le forti preoccupazioni di molti agricoltori e nel prendere visione dei danni a riguardo, sta chiedendo alla Regione Abruzzo lo stato di calamità naturale".

"Il miglioramento delle condizioni climatiche di queste ultime ore - aggiunge l'assessore all'Agricoltura, Licia Fioravante - ha permesso ai titolari delle aziende vitivinicole di accedere, seppur con non poche difficoltà, nei propri vigneti per verificare i danni delle abbandonanti piogge. La situazione è preoccupante. Le incessanti piogge hanno infatti impedito ai viticoltori di effettuare i dovuti trattamenti fitosanitari per combattere gli attacchi fungini. Questo ha portato ad un incremento di infezione da peronospora che ha compromesso, in molti casi in maniera irreversibile, i vigneti".

"Una situazione allarmante - incalza Menna - che avrà inevitabilmente ricadute negative sul raccolto. Mesi di duro lavoro si sono volatilizzati, l'annata è distrutta, i danni economici sono incalcolabili". 01 giu. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1333

Condividi l'Articolo