Coronavirus. Abruzzo. Sale il numero dei positivi. A Civitella 24 i migranti contagiati

Sono 3.435 i casi di Covid 19 diagnosticati finora in Abruzzo. Nelle scorse ore, ma la situazione evolve in continuazione, sono stati registrati 15 nuovi contagiati. Per la maggior parte si tratta di migranti smistati, da Lampedusa, nei vari centri d'accoglienza.

I positivi sono attualmente 153: 20 pazienti (+1 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 1 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 132 (+12 rispetto a ieri) sono in isolamento con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Sono 472 i deceduti (invariato rispetto a ieri) e sono 2.810 i dimessi/guariti (+2 rispetto a ieri).

Per l’emergenza coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 133.345 test.

Del totale dei positivi, 268 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+8 rispetto a ieri), 858 in provincia di Chieti (+1 rispetto a ieri), 1.635 in provincia di Pescara (+5 rispetto a ieri), 642 in provincia di Teramo (+1 rispetto a ieri), 27 fuori regione e 5 per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza (-11 rispetto a ieri).

Intanto - è notizia dell'ultim'ora, delle 17.05 - dell'aggravarsi della situazione nel Centro d'accoglieza di Civitella del Tronto, nel Teramano, dove, comunicano Asl, Prefettura e Regione, gli infetti sono 24 e non più 10. Dati emersi al termine del Comitato per l'ordine e la sicurezza che si è svolto nel pomeriggio. Tra i positivi sette minorenni tra i 15 e i 17 anni. Ecco la situazione dei contagi negli altri Cas: 16 a Gissi, 12 a Moscufo, 24 a Civitella del Tronto, 4 L’Aquila.

La percentuale di positivi al Covid 19 tra i migranti è pari al 30 per cento del totale, come spiega l'assessore regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, che parla di "livello allarmante, che rischia di mettere a repentaglio i sacrifici degli ultimi mesi dei cittadini".

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 815

Condividi l'Articolo