Elezioni regionali Abruzzo. Marsilio fa il bis da presidente. L'Aquila roccaforte centrodestra. Vince l'astensionismo

Il campo largo non ha fermato la corazzata del centrodestra.

Marco Marsilio rivince in Abruzzo e fa il bis da presidente, caso raro nella storia della Regione. E' stato rieletto con il 53,50%, pari a 327.660 voti. Luciano D'Amico, candidato del centrosinistra, ha avuto invece 284.748 voti pari al 46,50%.

La coalizione a sostegno del confermato governatore, con Fratelli d'Italia, Forza Italia, Lega, Noi Moderati, UdC-Dc con Rotondi e Marsilio Presidente, ha preso 316.637 preferenze pari al 54,67%. Sono, invece, 262.565 i voti, pari al 45,33%, per la coalizione di centrosinistra, con Pd, M5S, Azione, AVS-DemoS, Italia Viva-Psi-+Europa e Abruzzo Insieme. Nessun vento sardo ha spirato da queste parti. 

E' in provincia di Teramo che D'Amico, che è docente all'Università di Teramo, di cui è stato anche rettore, supera Marsilio con il 50,18 per cento delle preferenze che sono 70.750. Qui Marsilio si ferma al 49,82 per cento. Nella provincia di Pescara a Marsilio va il 51,70 contro il 48,30 di D'Amico. Nel Chietino 51,47 per centro per Marsilio e 48,53 per D'Amico. Roccaforte del centrodestra, in particolare di Fratelli d'Italia, si conferma la provincia dell'Aquila dove il divario tra i due è nettissimo: Marsilio prende il 61,31% dei voti e D'Amico soltanto il 38,69%. La Marsica fa la differenza premiando il confermato governatore che raggiunge, in alcuni centri, anche il 75%.

Per quanto riguarda i partiti... Centrodestra Fdi al 24,1%, Lega al 7,8%, FI 13,2%. Centrosinistra: Pd al 20,6,9%, M5S al 7%, Azione al 4%. 

Ma a vincere questa tornata elettorale è l'astensionismo. Affluenza alle urne bassissima e, dice il costituzionalista Enzo Di Salvatore, "si tratta del dato peggiore dal '95 ad oggi". Ha votato infatti il 52,19% degli abruzzesi, contro il 53,11 delle Regionali del 2019. Il dato peggiore si è registrato in provincia di Chieti, con il 48,40%. 

“Marco Marsilio è il primo presidente nella storia dell'Abruzzo ad essere riconfermato dagli elettori per un secondo mandato. Ed è per noi motivo di grande orgoglio che i cittadini abruzzesi abbiano voluto continuare a dargli fiducia, e con lui a dare fiducia al centrodestra, che si conferma maggioritario. È una fiducia che, come sempre, non tradiremo. Continueremo a lavorare per restituire all’Abruzzo e all'Italia il posto che meritano. Grazie!”. Lo scrive sui social Giorgia Meloni, presidente del Consiglio e leader di FdI.

"Con la vittoria di Marco Marsilio prevale la competenza e il servizio alla comunità. L'Abruzzo, terra nobile, merita di non tornare indietro, alla palude e all'immobilismo. Continuiamo a lavorare per questa regione". Così in un post su X il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano.

"Auguri di buon lavoro a Marco Marsilio, confermato presidente della Regione Abruzzo e a tutta la sua squadra. Il centrodestra unito, che come coalizione aveva ottenuto numeri straordinari anche in Sardegna, riafferma quindi un ottimo governatore. Il lavoro svolto negli ultimi cinque anni è stato riconosciuto e premiato dai cittadini, che vogliono proseguire su questa strada". Recita questo una nota il ministro dell'Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste e esponente di Fdi, Francesco Lollobrigida. "Avanti così, nel segno della continuità".

"Il grande successo del centrodestra in Abruzzo conferma il giudizio positivo dei cittadini sul nostro buon governo. Ottimo il risultato di Forza Italia! È una conferma del nostro ruolo fondamentale. Complimenti agli azzurri abruzzesi. Dedichiamo la vittoria a Silvio Berlusconi". Lo dice su Twitter il vicepremier e leader di FI Antonio Tajani. 11 mar. 2024

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1049

Condividi l'Articolo