A Pizzoferrato e Torricella Peligna per le Giornate d'autunno del Fai

Storia, natura, archeologia, letteratura, territorio... Torricella Peligna e Pizzoferrato sono i centri  proposti dal Fai di Lanciano (Ch) per le classiche "Giornate d'autunno". Appuntamento il 14 e 15 ottobre prossimi.

"Abbiamo lavorato molto su questo appuntamento - sottolinea Ersilia Caporale, capo delegazione Fai Lanciano - sviluppato su due paesi molto attrattivi, che i visitatori, siamo certi, sapranno apprezzare. Gli eventi speciali, poi, sono un cameo su queste giornate".

I percorsi urbani per Torricella Peligna prevedono la partenza scaglionata di gruppi formati da 25 persone dalle 09 alle 12 e dalle 14.30 alle 16.30. Direzione? La pineta comunale “Antonio Porreca” e la casa del comandante della Brigata Maiella, Ettore Troilo con visita alla mostra dei cimeli militari in municipio. L'alternativa è il giro delle svariate dimore storiche del paese.

I percorsi naturalistici spazieranno invece dall’antico tratturo con le sue case baronali, il sentiero verso Colledimacine (Ch) alla scoperta del suo miele, fino alla passeggiata verso la Madonna del Roseto. Le passeggiate, con una durata massima di quattro ore con partenza alle 09.30, daranno l’occasione di osservare le bellezze naturali dei sentieri per secoli utilizzati dalle genti del posto.

A Pizzoferrato, invece,  visita a Villa Casati e Terra Vecchia della durata di un’ora e mezza circa con partenze dei gruppi di 25 persone ogni ora, dalle 9 alle 12 e dalle 14.30 alle 16.30.

Due i percorsi naturalistici: un anello lungo 4 chilometri tra arte, natura e agricoltura, della durata di due ore circa. Partenze alle 9.30 e 11.30 e, nel pomeriggio, alle 14.30 e 15.30.

Il secondo invece è un percorso misto sulla strada boschiva del Parco della Majella con successivo ingresso a Villa Condorelli e al centro Avifauna. Partenze alle 9.30 e 11, e al pomeriggio alle 14 e 15.

E' necessario dotarsi di scarpe da trekking o scarpe con suola scolpita “perché – dice il Fai - le guide escluderanno dall'escursione chi non avrà le calzature adatte”. Inoltre è caldamente raccomandato l’uso di pantaloni lunghi, t-shirt, maglioncino o pile, giacca a vento, k-way o poncho, cappello, occhiali da sole e borraccia.

I fiori all’occhiello quest’anno sono rappresentati però dagli eventi speciali. Il primo è dedicato a Benedetto Croce all’interno del Parco archeologico di Juvanum a Montenerodomo (Ch), a cura dell'Università degli studi "Gabriele d'Annunzio" di Chieti con le docenti Patrizia Staffilani e Oliva Menozzi e gli studenti del corso di Laurea in Archeologia.

Il secondo invece sarà "Chiedi a John Fante - Sulle tracce dello scrittore italoamericano a Torricella Peligna". Per queste giornate il Festival "John Fante - il Dio di mio padre", apre le sue porte proponendo con attori, musicisti, studiosi, poeti e con la direttrice del Festival, alcune sezioni del festival medesimo che normalmente si tiene nel mese di agosto e che in via eccezionale viene riproposto in ottobre. Narrazioni, reading, cortometraggi e spezzoni dei film tratti dalle opere di Fante, questo e molto altro attenderà i visitatori. 12 ott. 2023

MARIANO PELLICCIARO

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2071

Condividi l'Articolo