Ministero dà ok a costruzione nuovi ospedali Lanciano, Vasto e Avezzano

Il Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici (Niv) del ministero della Salute ha ufficializzato il parere favorevole all’accordo di programma, proposto dalla Regione Abruzzo, per la costruzione dei nuovi ospedali di Avezzano, Lanciano e Vasto e per la realizzazione della centrale operativa 118 - comprensiva di hangar ed eliporto - dell’Aquila.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

Lo comunica l’assessore  regionale alla Salute, Nicoletta Verì, sottolineando come la nota sia stata trasmessa questa mattina al direttore del Dipartimento Sanità della Regione, Claudio D’Amario.

Nel provvedimento si fa riferimento ai verbali delle sedute del Nucleo (l’ultima delle quali si è tenuta il 26 ottobre scorso), in cui si raccomandava alla Regione l’adozione di ulteriori provvedimenti di carattere economico-finanziario per adeguare ai rincari degli ultimi mesi il costo delle opere: provvedimenti, nel frattempo, già adottati dalla giunta regionale nei giorni scorsi.

"La vicenda del rincaro dei prezzi delle materie prime e dell’energia – spiega l’assessore – ha creato qualche rallentamento nel cronoprogramma che avevamo fissato a febbraio scorso, ma grazie al lavoro dei tecnici delle Asl e del Dipartimento Sanità, siamo riusciti a recuperare questo piccolo ritardo. L’obiettivo resta quello di arrivare all’apertura dei cantieri entro il prossimo anno, procedure burocratiche permettendo".
Verì rimarca come il parere favorevole del Niv rappresenti un punto di svolta nei piani di edilizia sanitaria della Regione.

"Perché questa è la prima volta – puntualizza – che il Nucleo si esprime sui progetti dei nuovi ospedali e sulla centrale del 118 dell’Aquila. Gli accordi presentati dalla precedente amministrazione regionale, infatti, non erano mai arrivati all’esame dell’organismo, passaggio fondamentale per l’effettiva concretizzazione delle opere".
L’investimento complessivo è pari a 388 milioni di euro (dopo l’adeguamento), finanziati interamente con risorse pubbliche statali e regionali. 18 nov. 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1186

Condividi l'Articolo