Il presidente del Consiglio dei Ministri, Giorgia Meloni, e il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, hanno firmato, oggi a L’Aquila, l'Accordo per il Fondo sviluppo e coesione 2021-2027. Presente anche il ministro per gli Affari europei, il Sud, le Politiche di Coesione e il Pnrr Raffaele Fitto, responsabile del lavoro di coordinamento tra Governo e amministrazioni periferiche per la valorizzazione delle risorse del Fondo di Sviluppo e Coesione. 

Con questo accordo - ha detto il premier - "noi assegnamo all'Abruzzo 1 miliardo 257 milioni di euro e, dei nuovi accordi siglati con le Regioni, 9 finora, questa è la quota di fondi più alta assegnata. Sono risorse importanti che vengono destinate al finanziamento di quai 200 progetti". 

"Sono certa - ha aggiunto nel suo intervento - che l'Abruzzo possa ancora stupire, non solo l'Italia ma il mondo. E io farò la mia parte". 

"Cinque anni fa parlavamo di quanto la logistica, la portualità, in una regione come questa, le infrastrutture di collegamento potessero e dovessero fare la differenza e continuo a essere convinta che il grande paradosso dell'Abruzzo sia proprio quello di essere piazzata nel centro dell'Italia, a sua volta piazzata nel mezzo del Mediterraneo, è nonostante questo, sia sostanzialmente isolata. Per questo, sono fondamentali le infrastrutture che continuano a essere la nostra priorità di intervento". 

"La posa della prima pietra per l'allungamento della pista dell'aeroporto di Pescara consentirà di dare allo scalo una vocazione intercontinentale, di fare tante cose, compreso riportare a casa con un turismo di ritorno i tantissimi abruzzesi che oggi vivono nel mondo: negli Stati Uniti, in Canada, in Argentina".

La nuova tratta ferroviaria Roma-Pescara - ha annunciato il primo ministro - si farà. "Siamo assolutamente concentrati e attenti su quella che è tra le più importante infrastrutture per il Paese. Erano stati previsti fondi nel Pnrr" per realizzarla, "ma poi stralciati" per questioni di tempistica, il che, però, "non si è tradotto nella rinuncia di un'opera così strategica. Abbiamo stralciato il finanziamento dal Pnrr ma il governo si è messo a lavoro per individuare risorse" sostitutive: "vi annuncio che la Roma-Pescara si farà, grazie al lavoro dei ministri Salvini e Fitto sono state individuate tutte le risorse che servono per realizzare l'opera. Nelle prossime settimane si riunirà il Cipess".

"I borghi e le aree interne sono luoghi che conservando la loro identità e garantiscono l'identità dell'Italia. Non ci arrendiamo allo spopolamento di questi territori. Sappiamo che c'e' ancora molto da dare e siamo pronti".

"Con l'Accordo di oggi - ha rimarcato Fitto - assegniamo complessivamente a questo territorio risorse del Fondo di Sviluppo e Coesione per 1.257 milioni di euro (di cui 91,8 milioni sono stati assegnati come anticipo nel 2021 e altri 5,7 milioni nel corso del 2023)".

Il rosone della basilica di Collemaggio in miniatura è stato consegnato in dono alla premier a chiusura dell'appuntamento. La basilica, dove sono custodite le spoglie di Celestino V, unico pontefice a non essere sepolto a Roma, è stata duramente colpita dal terremoto che mise in ginocchio L'Aquila dell'aprile 2009, provocando 309 morti e 1.600 feriti. "E' simbolo della nostra terra, ma anche simbolo della rinascita", è stato detto alla presidente del Consiglio motivando la scelta dell'omaggio.  07 feb. 2024

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 729

Condividi l'Articolo