Estrazione metano da sotto al lago di Bomba, Forum Acqua contro. E riparte la mobilitazione

Nonostante le bocciature del comitato Via regionale e nazionale e del Consiglio di Stato, relative agli enormi rischi idrogeologico e sismici connessi all'eventuale estrazione di metano, la società LNenergy (costola di Cmi, che è titolare della concessione) vuole presentare l'ennesimo progetto di estrazione del metano dal campo di Colle Santo, a Bomba (Chieti), per liquefare spoi, stavolta, sul posto il metano estratto.

“Non sono bastate le censure e le sentenze – afferma in una nota il Forum Abruzzese dei Movimenti per l'Acqua - ci risiamo". La società inglese, attraverso la Reabold Resources Plc (una società di investimento nel settore del petrolio e del gas che detiene il 16% in LNEnergy Ltd, che a sua volta detiene un'opzione esclusiva su una partecipazione del 90% nel giacimento di gas Colle Santo che è comunque di Cmi) ha iniziato le operazioni nel giacimento, dopo aver compiuto progressi in materia di normative ambientali.

Il nuovo progetto viene presentato, rimarca il Forum Acqua, "come meno impattante, ma alla fine vogliono sempre estrarre 2 miliardi di metri cubi di metano, azione ritenuta dagli esperti a rischio frane e terremoti. Tolgono il gasdotto previsto inizialmente, ma alla fine la questione è sempre la stessa: estrarre 2 miliardi di metri cubi di metano posti sotto al lago di Bomba e in una zona con faglie che potrebbero essere attivate o riattivate a causa delle estrazioni, causando sismi, come segnalato dalla Commissione Via nazionale. Mentre l'Agenzia Internazionale dell'Energia sostiene la necessità di lasciare sotto terra le fossili, metano compreso - prosegue il Forum H2O -si presenta per la terza volta un progetto che esacerba questo problema".

Preoccupano le affermazioni della Reabold Resources Plc. Sul loro sito, oltre a numerose informazioni di dettaglio sul progetto, si legge testualmente che 'Reabold Resources Plc ha avviato un significativo processo di due diligence, che ha aumentato le aspettative nella probabilità che i permessi siano concessi per lo sviluppo del campo Colle Santo. Questo è un momento in cui in Italia vi è una maggiore attenzione sulla sicurezza energetica e un più favorevole contesto di regolazione". 

Intanto oggi a Bomba (Ch) riparte la mobilitazione contro l'estrazione del gas, mobilitazione che va avanti da 15 anni e che si era sopita sopo le ultime bocciature del 2021 ad una iniziativa simile. Nel pomeriggio è previsto, al Museo etnografico,  un incotro tra amministrazione comunale e cittadini, che verranno messi al corrente del "nuovo" progetto. 07 ott. 2023

FILIPPO MARFISI

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 862

Condividi l'Articolo