Lanciano. 'Che succede nello stabilimento Pierburg?' Domani sciopero

Quale futuro per l'azienda Pierburg di Lanciano? Se lo chiedono i lavoratori e se lo chiedono i sindacati, ai quali la situazione è apparsa alquanto nebulosa dopo gli incontri tenuti negli ultimi giorni con la dirigenza. E così, domattina, sciopero, con sit in davanti ai cancelli dello stabilimento, in località Cerratina, che al momento impiega 114 dipendenti. 

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie per distributori e uffici

Apri

"I vertici locali e il responsabile della divisione Msi, Tobias Kasperlik - affermano in una nota congiunta Fiom, Fim e Uilm - hanno compiuto l’ennesima giravolta rispetto agli impegni assunti in passato. Nel 2011 - si fa presente -  Pierburg ha sottoscritto un accordo con  le organizzazioni sindacali al ministero dello Sviluppo economico". Intesa secondo cui "la fabbrica di Lanciano sarebbe stata destinata a produrre piccole serie di primo impianto e ricambi after market. Erano previsti investimenti e il mantenimento dei livelli occupazionali esistenti. Nel caso il mercato subisse una riduzione di volumi c'era l'impegno ad elaborare un piano alternativo". 

"Nel 2019, a fronte di una riduzione di volumi, fu concordato, per iscritto, l’arrivo di nuove produzioni per un valore oscillante fra i 6.300.000 e i 7.400.000 euro. L’accordo avrebbe dovuto avere effetti dai mesi successivi. Ad oggi, però, nulla è accaduto". Le lavorazioni non sono arrivate; il piano di risultato è stato messo in discussione, non riconoscendo il dovuto e costringendo i lavoratori ad azioni di lotta per pretendere le spettanze e il ricambio generazionale auspicato è rimasto sulla carta. "Ad oggi - riprendono i sindacati - sono andati in pensione con quota 100 oltre 30 dipendenti, nei prossimi mesi anche altri lasceranno e nessuno è stato rimpiazzato. Ci dicono che le assunzioni sono bloccate per via della crisi. Ci sforziamo di comprendere ma non ci riusciamo: il reparto manutenzione e l’ufficio Ingegneria sono praticamente azzerati e Pierburg rischia la paralisi. Tutti questi indizi ci portano ad una conclusione, cioè che l'azienda ha deciso di disimpegnarsi in questo territorio".

Nuovo summit il 4 maggio, con Pierburg che ha spiegato "che l’accordo di due anni fa è saltato, perché quanto previsto aveva un costo troppo alto per essere realizzato". Secondo l'azienda ci sarebbero altri "progetti, nuove idee, senza specificare di che si tratta, di quali volumi, della tempistica e se i livelli occupazionali saranno gli stessi". Nulla di concreto, dunque. E niente di certo. Così braccia incrociate, oggi, per due ore a turno, con presidio dalle 7.45 alle 9.45. 19 mag. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 4132

Condividi l'Articolo