L'azienda De Cecco di Fara San Martino più green: riduce emissioni e uso acqua e pianta 3mila ulivi
L’azienda alimentare De Cecco presenta il Report di sostenibilità relativo al 2021, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 a cui ha aderito.
 
Lo stabilimento storico dei fratelli De Cecco sorge a Farà San Martino (Ch), nel Geoparco della Majella, patrimonio dell’Unesco, le cui vette sono da sempre lo sfondo scenografico e contribuiscono anche alla risorsa naturale per la produzione: aria e acqua di sorgente sono un plusvalore per la pasta.
 
Essa produce oltre il 50% dell’energia elettrica utilizzata nei propri stabilimenti da fonti rinnovabili ed in particolare grazie al contributo decisivo della propria centrale idroelettrica che sfrutta le acque del fiume Verde, la cui sorgente si trova a due passi dallo stabilimento. Grazie a queste politiche l’azienda è riuscita a ridurre dell’11% le emissioni di CO2 (anidride carbonica)  nell’atmosfera nel 2021.
 
Non solo: quell’acqua che sgorga dalla Majella è anche un ingrediente della pasta De Cecco che nel 2021 è riuscita a ridurne il consumo del 3% a seguito delle pratiche di efficientamento del suo utilizzo. Entro il 2050 l’azienda sarà carbon neutral anche grazie alla piantumazione di alberi degli ultimi anni: si tratta di oltre 3.000 ulivi intorno al sito produttivo di Fara che vanno a compensare 132.000 chili di CO2 ogni anno.
 
“Il rapporto con il territorio - dice una nota - è sancito anche dall’impegno di De Cecco per la filiera italiana che coinvolge 2001 aziende agricole e 23.362 ettari di terreni coltivati per ottenere 9 differenti tipi di grano duro italiano di alta qualità.
Relativamente al pack si evidenzia l’attenzione particolare all’impatto ambientale per la scelta di un solo materiale riciclabile al 100% con certificazione di sicurezza DNV e dichiarazione ambientale di prodotto EPD.
La sostenibilità in De Cecco si sposa con la solidarietà, che ha permesso ad esempio di donare 490 tonnellate di prodotti alla Fondazione Banco Alimentare, per aiutare con dignità tantissime famiglie indigenti e allo stesso tempo contrastare lo spreco alimentare, evitando che cibo buono venga sciupato”.  22 mar. 2023
 
@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 1643

Condividi l'Articolo