Pasta De Cecco in mostra al ministero delle Imprese e del Made in Italy

L'industria alimentare De Cecco in mostra a Palazzo Piacentini, sede del ministero delle Imprese e del Made in Italy nella mostra “Identitalia, The Iconic Italian Brands” dedicata ad alcuni tra i più importanti marchi storici, che hanno fatto e stanno facendo la storia del Paese.

L’iniziativa, con la selezione di 113 marchi di tutti i settori, nasce per celebrare i 140 anni dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, che nel 2019 si è arricchito del “Registro Speciale dei Marchi Storici di Interesse Nazionale”. Il Paese, insomma, visto attraverso i grandi marchi, la cui attività nei decenni ha contribuito a creare una cultura del fare, del bello e dell’impresa.

"Nell’atrio principale di Palazzo Piacentini, - spiega l'industria alimentare abruzzese in una nota - fino al 6 aprile  accogliamo i visitatori per raccontare la pasta del metodo De Cecco, emblema del made in Italy, che già era riconosciuta come eccellenza italiana alla World’s Columbian Exposition di Chicago nel 1893, dove ricevette la medaglia d’oro per 'la sua superiore manifattura, il colore e la tenuta in cottura'. In mostra i pezzi più importanti della lunga storia dell’azienda, oggetti storici come la trafila in bronzo del 1957, la rassegna delle confezioni di pasta ricostruite visivamente dal 1920 ad oggi con l’evoluzione del marchio nel corso dei decenni, gli spot che hanno pubblicizzato in tutta Italia e a livello internazionale la pasta De Cecco proiettati su uno schermo: elementi che vanno a comporre un vero e proprio manifesto celebrativo del saper fare tricolore".

"Gli spot delle campagne De Cecco, - viene sottolineato - creati da grandi registi come Paolo Taviani (“Tu che mi hai preso il cuor” del 1988), Paolo Genovese e Ferzan Özpetek (“Canzone” del 2021) e da creativi del calibro di Armando Testa e Gavino Sanna, con interpreti come Sabrina Ferilli, Michele La Ginestra, Claudia Gerini e Can Yaman, hanno sempre puntato a trasmettere l’essenza di una pasta di qualità superiore. Un concetto che viene ripreso anche in Usa con gli spot che hanno come protagonista Sara Gore giornalista Tv dell’Nbc".

Come ha sottolineato il ministro Adolfo Urso “i nostri imprenditori e la passione che mettono nel loro lavoro sono il fiore all’occhiello del sistema Italia e il biglietto da visita del nostro made in Italy nel mondo”. Nel caso di De Cecco il biglietto da visita è la giovane contadina in costumi tradizionali abruzzesi, che ha portato un po’ di Fara San Martino (Ch) nel mondo. 17 feb. 2024

MARIANO PELLICCIARO

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1627

Condividi l'Articolo