Incidente con morti alla Esplodenti Sabino a Casalbordino. Iniziate le autopsie. Fissati i funerali di Di Nella
GUARDA LE FOTO

E' cominciata stamattina, all'obitorio dell'ospedale di Chieti, l'autopsia sulle tre vittime della deflagrazione, del 13 settembre scorso, alla Esplodenti Sabino a Casalbordino (Ch).

Gli accertamenti, oggi, si sono concentrati su Fernando Di Nella, 62 anni di Lanciano (Ch). Dopo il riconoscimento da parte dei familiari, i medici legali Pietro Falco e Rossella Ferrara hanno proceduto agli esami che sono molto complessi, considerato che c'è un'inchiesta della magistratura in corso, che deve accertare le responsabilità e le cause del disastro.

Di Nella non è morto sul colpo, ma sarebbe rimasto gravemente ferito, tanto da riuscire a chiedere aiuto dopo lo scoppio. 

Sugli altri due operai - Gianluca De Santis, 43enne, di Palata (Cb) e Giulio Romano, 56 anni, di Casalbordino (Ch) - le operazioni peritali cominceranno domattina e saranno necessari anche test genetici. Romano è stato dilaniato dall'esplosione, è quello che ha avuto la peggio e il cui decesso è stato immediato.

I medici legali, nominati dal pm Silvia Di Nunzio, della Procura di Vasto (Ch), hanno effettuato la Tac sui corpi e anche prelievi per esami istologici. Dovranno rispondere a diversi quesiti, analizzando i traumi provocati dall'onda meccanica dello scoppio; dai materiali sollevati dall'esplosione, ad esempio pietre e schegge; dall'inalazione di fumi e terriccio, dalle ustioni. Bisognerà anche capire, ad esempio, se le vittime sono state sbalzate, dall'onda termica, lontano dal punto in cui stavano lavorando.

I funerali di Di Nella, che lascia la moglie Giuliana, le figlie Monia e Sara, la madre Gilda e i fratelli, si terranno venerdì, 22 settembre, alle 16, nella chiesa dello Spirito Santo, nel quartiere Santa Rita, dove abitava, a Lanciano (Ch). Il corteo funebre partirà dalla casa funeraria di Treglio (Ch). 20 set. 2023

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 7516

Condividi l'Articolo