Applausi, sorrisi, strette di mano, foto: l’atmosfera nella grande sala di Agorà, stracolma, più che rappresentare il primo appuntamento della campagna elettorale dell’assessore uscente Nico Campitelli in corsa per le elezioni del 10 marzo con Fratelli d’Italia, sembra già salutare una vittoria. Sullo schermo troneggia un numero 8.160: sono i voti presi cinque anni fa e che lo resero il candidato più votato della Provincia di Chieti. Un primato che a quanto pare Campitelli intende mantenere. Non nasconde l’emozione per le testimonianze d’affetto e di apprezzamento da parte di amministratori e dirigenti.

“Cinque anni di legislatura e di grandi risultati per il nostro territorio” si legge nella foto che lo ritrae insieme al presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio che non ha fatto mancare la sua presenza.

 A Vincenzo Pellegrini responsabile della segreteria di Campitelli è toccato aprire l’evento salutando l’affollata e attenta platea e soffermandosi su chi ha voluto dimostrare in concreto la stima per il lavoro fatto in questi anni dalla Giunta Marsilio e dall’assessore uscente in particolare. Pasquale Flacco direttore sanitario della Asl Lanciano Vasto Chieti ha ripercorso l’iter non solo dell’ospedale di Atessa ma di tutta la sanità del territorio. “L’assessore Campitelli in questi anni è stato un punto di riferimento importante, un rapporto continuo e costruttivo, ha detto Flacco, è stata poi la volta di Fabio Lombardi dirigente LND (Lega nazionale dilettanti) che ha ricordato l’evento sportivo per eccellenza quello che ha portato alla ribalta la suggestiva bellezza della costa dei trabocchi ovvero la partenza del giro d’Italia e parole di sostegno e di condivisione per i risultati raggiunti sono arrivate da Marcello Borrone, architetto, da sempre impegnato per uno sviluppo sostenibile e ancora gli amministratori, a cominciare dal sindaco di Treglio Massimiliano Berghella, dal primo cittadino di Orsogna Ernesto Salerni. Tutti e due hanno rimarcato la vicinanza e l’efficienza di Campitelli che sempre si è adoperato per dare le risposte adeguate. Nessuna richiesta è stata ignorata. Tanti gli amministratori presenti insieme a imprenditori, dirigenti, ma soprattutto tanta gente, quella che non ha bisogno di paroloni ma di fatti.

 L’ascolto, l’inclusione, la presenza sul territorio sono stati e sono i punti fondamentali dell’esperienza politica e amministrativa dell’assessore, il comune denominatore di tutte le sue scelte. “Più del 90 per cento delle leggi sono state approvate con la stragrande maggioranza dei voti a favore e qualche astensione dai banchi dell’opposizione e questo non è un dato trascurabile anzi la dice lunga sulla bontà del lavoro portato avanti.

Campitelli eletto cinque anni fa nelle fila della Lega si presenta a questa nuova competizione elettorale con Fratelli d’Italia. I motivi che lo hanno spinto ad abbandonare il partito di Salvini, sono stati spiegati con chiarezza e non sembra preoccupato da questo cambiamento. Contano le persone non le casacche ha ribadito.

 “Marco Marsilio ha avuto il merito di riuscire a unificare tutto l’Abruzzo, senza preconcetti e puerili campanilismi riconoscendo a ogni singolo territorio pari dignità e rispetto, senza mai guardare alle appartenenze politiche” ha aggiunto Campitelli e per il presidente è determinante la continuità dell’esperienza governativa. 18 dic. '23

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1390

Condividi l'Articolo