In visita alla ex Sevel il nuovo responsabile mondiale veicoli commerciali Stellantis. 'Stabilimento dell'eccellenza'
GUARDA LE FOTO

L'amministratore delegato di Alfa Romeo e nuovo responsabile mondiale della Business Unit dei veicoli commerciali di Stellantis, ha visitato oggi per la prima volta, a poche settimane dalla sua nomina, lo stabilimento ex Sevel di Atessa (Ch), ora Fca Italy, il più grande impianto di veicoli commerciali leggeri d’Europa.

Jean Philippe Imparato ha fatto un minuzioso giro. "Ha fatto - comunica Stellantis - l’analisi approfondita di ogni dettaglio “di un’eccellenza non solo italiana ma di livello globale che, grazie al lavoro delle persone e alla qualità dei prodotti, permette a Stellantis di recitare un ruolo di leadership assoluta nel mercato dei veicoli commerciali leggeri in Europa ma anche di esportare i propri veicoli in oltre 80 Paesi di tutto il mondo”.

Imparato è stato accolto dal direttore dello stabilimento, Paolo Accastello, e dal responsabile delle Risorse Umane, Antonio Viggiano. Ha dapprima incontrato tutti i responsabili delle varie unità e poi, con loro, ha visitato la fabbrica, fermandosi più volte lungo le linee, per farsi spiegare i singoli passaggi e le proposte per migliorare ulteriormente la produzione, soprattutto sul fronte della qualità che il manager considera "la missione prioritaria dell’impianto".

Ha poi esaminato, in dettaglio, con i suoi più stretti collaboratori (tra cui Luca Marengo, head of LCV Product Serial Life; Costin Seydoux, head of LCV Cluster e Italo Longo, Head of LCV Vehicle engineering), i vari modelli prodotti in Val di Sangro (Fiat Professional Ducato, Citroën Jumper, Peugeot Boxer e Opel/Vauxhall Movano) e si è soffermato in particolare sul nuovo “Conversion center”, la speciale linea di produzione appena avviata il cui obiettivo è la personalizzazione dei veicoli prodotti e di conseguenza lo sviluppo della collaborazione con le altre realtà del settore presenti sul territorio provinciale. Si tratta di una sorta di Unità di montaggio che opera sotto l’Ente Qualità e che è in grado di fare qualsiasi trasformazione, dall’elettronica all’allestimento vero e proprio.

"Grazie ai prodotti costruiti ad Atessa e negli altri impianti produttivi del gruppo, - viene rimarcato in una nota - Stellantis ha chiuso il 2022 da leader in Europa e in Sud America, con una quota rispettivamente del 30,6% e del 29,5% nel segmento dei veicoli commerciali, e da leader in Europa anche nel segmento dei veicoli commerciali elettrici con una quota del 42,7%. Una supremazia confermata in particolare nel mercato italiano, dove, a maggio, Stellantis ha conquistato una quota del 43,1%. Una leadership rafforzata soprattutto nel settore dei veicoli full electric dove ha sfiorato il 60% di quota: a maggio ha infatti raggiunto il 59,4%".

La Business Unit Veicoli Commerciali di Stellantis ha l’obiettivo di guidare il mercato globale dei veicoli commerciali "con il più efficiente portafoglio di prodotti e servizi". Nell’ambito del piano strategico "Dare Forward 2030" punta poi "a raddoppiare i ricavi entro il 2030; ad avere un mix di veicoli elettrici al 40% con tecnologie di propulsione a batteria, a celle a combustibile e ad autonomia estesa, capacità di aggiornamento over-the-air per ogni nuovo mezzo a partire dal 2026 e una suite di servizi connessi dedicati e soluzioni autonome innovative". 08 giu. 2023

@RIPRODUZIONE VIETATA

Nelle foto due momenti della visita

totale visualizzazioni: 17145

Condividi l'Articolo