Lanciano. Un cuore per i lavoratori Faist e la Val di Sangro si riempie di cuori. Avviati i licenziamenti
GUARDA LE FOTO

"Siamo in pochi, è vero, ma non molliamo. Non vogliamo morire così...". I 17 lavoratori dell'industria Faist di Lanciano (Ch), situata in contrada Cerratina e che ha deciso di chiudere, continuano a presidiare la fabbrica.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

L'azienda, lunedi scorso, tre febbraio, ha avviato, inaspettatamente, l'iter di licenziamento collettivo. "E al contempo - raccontano i dipendenti - ha cominciato lo smantellamento delle linee. I macchinari sono già stati caricati sui tir, pronti a partire alla volta dell'Umbria, dove la produzione verrà spostata. Procedura, a quanto pare, - proseguono - non corretta, perché, per legge, alla comunicazione iniziale del licenziamento collettivo deve seguire una fase di consultazione e di incontri per complessivi 75 giorni".

Gli autoarticolati da ieri stazionano nel piazzale interno dello stabilimento, perché bloccati dalla protesta dei lavoratori. Che presidiano l'area notte e giorno, al gelo, con le pattuglie della polizia a vigilare, per evitare che portino via mezzi e materiali. "Non può finire in questa maniera - ribadisce Manuela Ricci, responsabile della produzione e Rsa Fim Cisl -, lotteremo fino alla fine, per noi, per il nostro futuro, per le nostre famiglie, per la nostra professionalità". I lavoratori sono in attesa di un incontro in Prefettura a Chieti, che potrebbe esserci domani, mentre oggi pomeriggio ci sarà un summit in Confindustri, a cui  sarà presente la Fim Cisl.

Intanto i lavoratori hanno chiesto "un cuore" in segno di solidarietà. E, in poche ore, la Val di Sangro, da Lanciano ad Atessa, si è riempita di centinaia di striscioni e lenzuoli con i cuori. Che campeggiano davanti ad aziende, nei locali pubblici, in attività commerciali. "Ringraziamo tutti quelli che ci sono vicini in questo difficile momento".

Serena Giannico

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3824

Condividi l'Articolo