'L'Abruzzo industriale trainato dai colossi Sevel e Honda': così l'Osservatorio sull'automotive
GUARDA LE FOTO

La Sevel e la Honda Italia, di Atessa, in Val di Sangro, come traino dell'industria regionale. Lo conferma la fotografia scattata dall’Osservatorio Automotive Abruzzo, presentato ieri a Santa Maria Imbaro (Ch), sede del Polo Innovazione Automotive, e nato in collaborazione con l’Its Sistema Meccanica di Lanciano e con il Polo tecnico Professionale (Ptp).

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

Tra gli interventi quello di Angelo Coppola, plant manager Sevel Spa; Marcello Vinciguerra, managing director Honda e Giuseppe Ranalli, presidente del Polo innovazione. E’ intervenuto Mauro Febbo, assessore regionale alle Attività produttive.
L’Osservatorio è sorto sulla base di un questionario inviato ad aziende selezionate, significative nel settore della componentistica e nella produzione dei veicoli e aderenti al Polo. Qual è lo stato dell’industria automotive? Quali i mercati di destinazione, le attività di innovazione e il fabbisogno delle competenze delle imprese? Queste alcune delle domande a cui lo studio dà risposte.

La prima parte traccia un focus sul settore automotive. "Il comparto automotive in Abruzzo è tra i più significativi in Italia - hanno spiegato Raffaele Trivilino, direttore del Polo innovazione Automotive, e Daniela Di Cecco, area comunicazione del Polo, che hanno lavorato sui dati insieme con Federica Rossetti e Antonio Maffei - tanto da farne regione con un tasso di industrializzazione superiore alla media nazionale, pari al 27%".

E' filiera che conta oltre 25 mila addetti (di cui 20mila nella sola provincia di Chieti), 8 miliardi di fatturato, e produce il 55% di export regionale. Dall'analisi dei questionari emerge che il comparto abbraccia molte piccole e medie imprese, ma anche diverse grandi aziende, soprattutto se si considera la realtà di riferimento: una piccola regione del Centro-Sud Italia lontana dai principali sistemi produttivi e industriali nazionali e internazionali. Tra tutte, dominano due colossi: Sevel, con il Fiat Ducato, il veicolo commerciale leggero leader in Europa e che dal 1981, anno del suo debutto, è stato venduto in oltre sei milioni di esemplari in tutto il mondo. Esso rappresenta il 12% dell’intera produzione europea. Poi c'è la Honda Italia, fondata nel 1971, unico sito manifatturiero Honda in Europa per le due ruote: dopo la crisi attraversata negli anni scorsi è tornata a crescere, sia dal punto di vista produttivo che occupazionale.

Se da un lato, si conferma la predominanza della Germania come principale destinazione dell’export, una tendenza che emerge è quella che vede la Cina come il Paese verso cui le imprese locali iniziano a guardare. Le aziende poi, emerge, non innovano molto, sia per problemi di budget, di partner, che di personale qualificato, che non trovano facilmente.

Serena Giannico

@RIPRODUZIONE VIETATA

Foto della presentazione dell'Osservatorio di Andrea Franco Colacioppo

totale visualizzazioni: 2766

Condividi l'Articolo