Nuovo incidente sul lavoro: sciopero domani alla ex Sevel. Ma Stellantis respinge le accuse

Infortuni sul lavoro nello stabilimento Stellantis Europe di Atessa (Chieti), ex Sevel. I sindacati Usb e Slai Cobas hanno proclamato uno sciopero per domani, venerdì 15 dicembre, articolato su più turni.

"L’ultimo grave episodio – dicono le due organizzazioni sindacali - è avvenuto ieri, mercoledì 13 dicembre: la rottura della catena che trasporta le scocche del furgone sulla linea della UTE 7 montaggio sottoscocca ha provocato la traslazione, in modo anomalo e singolare, in un punto di discesa, di diverse scocche, provocando il ferimento di un lavoratore e tanto spavento tra gli operai vicini".

Il 7 dicembre invece erano rimasti ustionati due manutentori, di cui uno esterno, a seguito dello scoppio, con fiammata, di un quadro elettrico a causa di un cortocircuito.

Lo sciopero di domani nel plant Stellantis si svolgerà con queste modalità: turno B e centrale dalle ore 9.15 alle 11.15, turno A dalle ore 18.15 alle ore 22.15, turno C dalle ore 01.45 alle ore 05.45 di sabato 16 dicembre. 

"Sulla sicurezza che cosa deve ancora accadere – dicono in una nota Usb e Slai Cobas -. Abbiamo più volte denunciato le criticità, anche scioperando, cercando di stimolare una presa di coscienza su una realtà che non rientra più nella normalità. La lunga serie di episodi di insicurezza dovrebbe davvero lasciare attoniti. Non è più rinviabile affrontare i problemi di sicurezza con la RLS e Stellantis deve avviare immediatamente dei controlli preventivi e programmare ciclici investimenti necessari per rendere più moderne e sicure le officine. Noi non saremo mai complici di un sistema che mette a rischio l’incolumità dei lavoratori".

Ma Stellantis Italia non ci sta e: "... stigmatizza questo approccio enfatico rispetto ad alcune situazioni effettivamente accadute all’interno dell’impianto ma con effetti notevolmente ridotti rispetto a quanto descritto. In un caso, accaduto ieri e relativo alla rottura di un perno catena su un tratto della linea di produzione, - spiega - la dipendente coinvolta ha fatto un passaggio nella sala medica dello stabilimento dopo essere stata urtata da un carrellino e poi è tornata regolarmente al lavoro per sua stessa iniziativa. Nel secondo caso, accaduto una settimana fa, c'è stata una piccola fiammata durante un intervento di manutenzione. Le due persone coinvolte sono state controllate nella sala medica e hanno riportato lievi scottature. L’attenzione alla sicurezza sul posto di lavoro è una delle priorità principali di Stellantis in ogni impianto del gruppo e l'azienda rigetta con forza ogni tipo di strumentalizzazione di episodi accidentali da parte di chiunque". 14 dic. 2023

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 4127

Condividi l'Articolo