Ha riaperto, stamane, dopo il fermo provocato dal Covid 19, all'alba la Sevel di Atessa (Ch), con i suoi 5.800 dipendenti. Una delle prime aziende in Italia, la prima del colosso Fca, a riavviare gli impianti dopo un accordo con i sindacati.

Lavoratori divisi sulla ripartenza: tanti i timori, ma tanta anche la voglia di ricominciare. "Era meglio aspettare un'altra settimana", dicono alcuni. "Finalmente... - affermano altri -. Altrimenti, invece che di Covid, saremmo morti di fame". "Sarà un inferno stare in fabbrica con le mascherine - sbotta qualcuno -, ma ci dobbiamo adeguare". E sui pullman dei pendolari? "Tutto tranquillo, eravamo in 16 invece che i soliti 50". Interviste. 

Servizio a cura di Serena Giannico e Massimiliano Brutti

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 8610

Condividi l'Articolo