A Lanciano rievocazione del Mastrogiurato col pienone di pubblico
GUARDA LE FOTO

Cielo plumbeo e un copioso scroscio di pioggia non hanno fermato a Lanciano (Ch) la rievocazione storica de "il Mastrogiurato", la prima orfana dello storico presidente Danilo Marfisi, per la cui memoria è stata celebrata anche una messa.

Circa 500 i figuranti che hanno partecipato alla manifestazione, che ha impegnato piazza Plebiscito, corso Trento e Trieste e, per la prima volta, il Parco delle Rose, dove è stato allestito il villaggio medioevale.

Quest'anno ad impersonare il Mastrogiurato, antico magistrato delle “Nundinae”, è stato Antonio Didone: un giudice odierno nei panni di un giudice del passato che, come da tradizione, ha prestato giuramento leggendo la formula in latino. Ad omaggiare il Mastrogiurato, i quattro quartieri storici di Lanciano, ossia Borgo, Civitanova, Lancianovecchia e Sacca. Sono stati schierati fin dall’inizio in piazza e hanno fatto da cornice agli spettacoli dei vari gruppi di sbandieratori: In Nomine Anxa, Sbandieratori città di Lanciano e i ragazzi del Palio dei Terzieri di Montecassiano. Poi gli ungheresi di Visegrad con le splendide ballerine del gruppo danza Primavera.

Tutti gli spettacoli sono stati seguiti dal Mastrogiurato seduto sul palco e circondato dai rappresentanti delle delegazioni di Spagna, Ungheria, Germania, Slovenia oltre che dai “notabili e decurioni” dell’antico Emporio dei Frentani.

Numerose le delegazioni italiane e straniere che hanno deliziato con i loro spettacoli il folto pubblico accorso ad assistere alla kermesse. Presenti il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio e i gonfaloni dei Comuni di Lanciano, Castelfrentano, Perano, Fossacesia, Rocca San Giovanni, Santa Maria Imbaro, Frisa e Mozzagrogna. Una grande soddisfazione per l'attuale presidente dell'associazione "il Mastrogiurato", Mario la Farciola e tutto il suo staff. "Un’edizione speciale - dice il presidente - ricca di novità e anche qualche imprevisto". 05 sett. 2022

URANIO UCCI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 563

Condividi l'Articolo