Archi. La devozione per San Nicola si fa racconto dialettale ai tempi del coronavirus
GUARDA LE FOTO

Abruzzo religioso. Il culto verso San Nicola, ha origini antichissime e prevedeva, in questi giorni, il pellegrinaggio verso Bari. A causa del coronavirus, tutto annullato, niente festa. Nicola Di Biase, 28 anni, di Archi (Ch), musicista con laurea triennale in fisarmonica classica, conseguita nel conservatorio di Fermo, molto religioso, che da anni promuoveva i viaggi in Puglia con i pellegrini, in periodo di pandemia ha buttato un racconto in dialetto. Ad essi ha affidato impressioni, ricordi, devozione.

”Giorni difficili per tutti, è arrivato maggio, “lu mese de l’amore è de le fijur” citava la canzone, lu “mese de la Madonne”, lu “mese de le feste de magge”. "Sono giorni che ci penso, sono giorni che non ho nemmeno il coraggio di parlarne, per quanto “me piagne lu core”!
Ricordo a 5/6 anni, cos’era sta festa!? Ho in mente il ricordo di mia mamma,
“Neco arrizzete ta da vesti! Sema ji a ripija le barejis!”
e chi le capiva quelle parole, chi capiva cosa stava succedendo,
misteriosamente dal mio letto mi ritrovavo sbattuto in una processione piena di gente,
vestito da contadinetto, con una conca di rame in mano,che a fine giornata da color oro qual’era diventava verde,
ricordo ancora e ho impresso nella mente, le mie zie paterne:
zia Nicolett(selverjie) zia Marjie( la Zucchere), e la zia materna za Manucc,
che con il loro tailleur con le spalline alte, così come si usavano tornavano da Bari!
“Evviv Sanda Necol!“
Così intonavano i vecchi priori!
Zi Vetal (de ze prejit), zi Nicole de paparjiell, zi Pierine, aelle vuljiev sta!
Chi piangeva, chi si ingocchiava, chi indossando il vestito della festa
e puntualmente lo rovinava per la cera delle candele,
“ma ne fa nient, ogge e Sanda Necole,
vu mett, che lu grande Sande, nghe che lu bastaun, abbass ca te te mente ca te vejid gna t’areffejil!”
Così dicevano le vecchiette che avevano davvero molto timore.
“A me m’ha fatte la grazjie” ...” ce so vuta ji a levajie lu vote” dicevano altre vecchiette!
Ricordo za Flumene de la marchesa, za Mecucce, za Flumene(la zia di Vanessa), za Ilde de Falascheus, Marjie de Carmene, ze Necol de carmene, ze Vengenz de Ramaun, e Ze Carmenitte, tanto devoto,
”quanda ndrave a la chies a Bare, jiunecchiun da la porte a l’altare m’accuntav”, za Terese de Ramone, zio Franche di Salvatore, za Flumen arret a le vigne, Mario Troilo “turchione”, za Dilfe sempre avante, Amalie de taccarell, da Ide de merinde, za Annine e ze Orlande de scoppelapane, za Rusine de Gigine l’umbrelle, za Marianicole davante, ze Petrucce e za Rine de ciocchele, e poi za Cittine, Silvane, Giovina, Gine de Narducce, chiss de Colandonjie a lu pianelle, za Rine e Flumene a lu cullette, Nicole Scanzatrajin, Vincenz de le grutt, quanta gente, quanti ricordi, e quanti dalle contrade,
zi Luigi de le piane, zi Elisee e za Lenucce, Nine de Marchetielle, za Marjie de lu cete, za Lenucce, giuvannine, chille de la fare, Giuseppine, za Nurine,
per poi non dire quelli di S Amico, N’doniie e Tettine di fiore, Tonine de le Merrechiene, Marjie, zi Nicole, la mamme e lu padre de Giuvannine e Carmenitt, “quill lu padre arepurtav sempre na cannele grosse da bare”,
tanti tanti tanti di cui non ricordo nemmeno più il nome!
Tanti fortunatamente sono ancora vivi, ma la maggior parte tutti “a lu monne de la verità”.
Evvive Sanda Necol, lu spar, là bande, jia l’ha date di vero cuore’, le conche, lu standard, le fijur, le letanjie a la Madonn!”
quanda areve’ le barejis sol bis se sente”(così dicevano per la troppa stanchezza).
Ma che ne possiamo capire noi!?
Ma che ne posso capire io 5/6 anni., mi dava fastidio anche alzarmi tanto presto!
Ma solo a sentire tutte quelle litanie e iugulatorie. pronobbissss, e rintronavano ancora,
ji l’ha date di vero cuore!
Un continuo, il 9 maggio era solo questo.
Ripeto “ma che ne posso capire io, a 6 anni?”.
Neco’ augurjie, fammete vascjia,
Neco’ augurjie, jiamm a lu barre ha da paga a bev!?
Neco’ augurjie gna si stat a Bare!? L’ha Miss sanda Necol mezz a mare!? Neco augurjie, uojie tutte a là case te a magna eh!?
Ne sete na quill!? Neco’, Neco’ NECo’, NECOooooooo’””, pure lu munument se chiam Necol a Jierche!
Ma che ne putem capi nu!? Ma che ne putet capi vu!? Ma chi le po capi!?
Da quelle che m’aricorde a Bare c’è se sempr it! Pure quanda stave lu fronte, 17/18 perzon jiette!
Sole n’anne piuvav, mo se le purtav lu diavele l’acque, le barjis annient a la chies se it a retojie.
Vjiate chi là mamme, c’ha fatte lu fjie sante, le grazjie ne fa tante, a chi jie le cerche pe..... schhhhhh.... gnenucchieteve escit
Sanda Necol a la curv, “diceva il priore”. Li pianti arrivevine a Perano, ma chi le po capi!?
Le putem capì nu ?
Grazie Sanda Neco, Grazie, Grazie! Chi ne se squajie annient a stu Sante!
Chi ne piagne!? Chi!? A me me ce sta a veni pure mo!
So landat la case, so landate la fatjie, so landate mamme e papà a lu lette,
so landate la stalle,
so landate là campagne, so landate tutte, ma a Sanda Necol c’aver da ji!
Ji le so prumess, e quanda se premette a nu Sande, viarte e tajie se ne le fji!cuscì dicevano al ritorno!
E con il volto ancora rosso di emozione, e le lacrime che scorrevano sulle guance ruvide e segnate dagli anni, tutti trovavano la forza.
Ne pozze camena’ ma a Bare ce so vute da ji!
E se Djia vo e esse m’accumpagne ci vajie pure chell’avetranne!
Ma le putem capi nu!? Ma le putet capi vu!? Ma le pozze capi ji!?
Ma ne le vide che Sande grosse,
ma ne le vide gna te te’mmente, le dice pure la canzone..
se ce so jite e pe te’! Ne me guarda, che me vu dire!?
Sti cuntent ca so jit!? E mo mi si venut a ripia’?
Sanda Neco’!? Che mi ti dire!? Rid!? Me guierde!? Sti cuntent ca mi si fatte piagne!?
Esse... scine ci si riscite!
Se le so fatte e sole pe te! E pe tutt lu devot che tieng dentr a stu core!
Ma reguierde!? Che me vu dire?
Sti cuntent, ne le vide quand ne si ristrette?
Ne le vide quand gente ha lassate tutte pe te!
Boom., boom., boom., boom., esse’, esse’ lu spare, esse’ e remenut le baris a jierch, esse’ mo sanda Necol sta cuntent!
Il suo popolo è tornato!
E tutto è andato bene!“Be mo’, affeleteve, jiama sema ji a la chiese, seta ji a sentì la Mess’!”
Annient là bande, le conche, la croce, la gente, le Barejis, lu prejit, là reliquie, e alla fine vaji ji!
Sanda Neco’ tu cummienne! Sete vist quanda ne so restrette!?
Ogge tutte pe me stet aecche! Jiamme mo, ne piagnete, e feste, avante.
Quest’er le feste de magge!
Quest’e’ è sempre e’ state le feste de magge!
Spero solo che quest’anno sia stato solo un brutto incubo, e che effettivamente mia mamma non sia riuscita a svegliarmi!
Lo spero, me lo auguro, Sanda Neco’ mannagge che scherze ci si fatte!!

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1965

Condividi l'Articolo