Abusi sessuali sulla nipotina di 11 anni: nonno finisce agli arresti. Il caso in Val di Sangro

 Turpi e lascive attenzioni sulla nipotina di 11 anni  e, così, un nonno ottantenne è stato arrestato dai carabinieri di Atessa (Ch) con l'accusa di violenza sessuale aggravata su minorenne. Il nonno pedofilo è stato posto agli arresti domiciliari il giorno di venerdì Santo su provvedimento cautelare emesso dal giudice delle indagini preliminari del tribunale di Lanciano, Massimo Canosa, su richiesta del pm Serena Rossi.

Il caso, su cui la Procura di Lanciano (Ch) mantiene il più stretto riserbo e che sta approfondendo, è venuto alla luce dopo che la bimba ha accusato forti dolori nelle parti intime e la madre l’ha portata in ospedale per farla visitare. I medici hanno poi certificato l’avvenuta violenza, perpetrata attraverso palpeggiamenti. Gravi atti da parte del nonno che la stessa vittima ha poi confermato durante un’audizione protetta, assistita da una psicologa.

La vicenda, che viene datata allo scorso mese di dicembre, è avvenuta in un comune della Val di Sangro. Oggi l’anziano, indagato, è stato sottoposto in tribunale a Lanciano all’interrogatorio di garanzia, durante il quale ha negato ogni addebito. La difesa ha chiesto la sua scarcerazione, mentre il gip ha invece confermato la misura restrittiva dei domiciliari. Oltre che delicato, il caso appare molto complesso e necessita di ulteriori riscontri probatori.

Walter Berghella  

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 4873

Condividi l'Articolo