Strage Berlino. Fabrizia e' morta: la Germania ufficializza. Il dolore dell'Italia
GUARDA LE FOTO
"La magistratura tedesca, così come ha comunicato il ministero degli Affari Esteri della Germania, ha esaurito le verifiche necessarie e purtroppo, ormai c'è la certezza che, fra le vittime, c'è l'italiana Fabrizia Di Lorenzo". Dopo giorni di attesa e di dolore, c'è la conferma. Fabrizia, 31 anni, di Sulmona, è morta in quel mercatino di Berlino dove era andata perché "il più bello", per  comprare i regali da riportare a casa per Natale. Il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, in una nota, ufficializza. "Sono affettuosamente vicino alla famiglia e ai suoi cari, condividendone l'immenso dolore", conclude il responsabile della Farnesina. "L'Italia ricorda Fabrizia Di Lorenzo, cittadina esemplare uccisa dai terroristi. Il Paese si unisce commosso al dolore della famiglia" scrive su Twitter il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni.
 
"Fabrizia Di Lorenzo, orgogliosa figlia di un'Italia che guarda all'Europa come alla propria casa, giovane vita di donna spezzata per sempre dalla violenza e dall'estremismo. Come Valeria Solesin, uccisa un anno fa negli attentati di Parigi. Sono state ore di angoscia ma adesso anche la più flebile speranza si è spenta. In questo momento di indescrivibile dolore, che riguarda tutta la nostra comunità nazionale, sono vicino con il cuore alla sua famiglia e a quanti le volevano bene". Lo scrive su Fb il presidente del Senato Pietro Grasso. Anche Laura Boldrini ricorda in un messaggio la connazionale uccisa a Berlino: "La conferma che tutti temevamo è purtroppo arrivata. Fabrizia Di Lorenzo va ad aggiungersi all'elenco già troppo lungo delle vittime della ferocia islamista. Anche a nome dell'intera Camera dei deputati abbraccio con dolore e commozione i suoi familiari e i suoi amici".
"Porteremo nel cuore il sorriso di Fabrizia, i suoi ideali, la sua voglia di cambiare l'Italia #rip". Lo scrive su Twitter il segretario del Pd Matteo Renzi.
 
"La notizia della identificazione di Fabrizia Di Lorenzo tra le vittime della strage di Berlino conferma i peggiori timori dei giorni scorsi. Il dolore per la sua morte è grande. Ancora una volta una nostra giovane connazionale rimane, all'estero, vittima della insensata ed esecrabile violenza del terrorismo. Esprimo ai genitori e al fratello di Fabrizia la solidarietà e la vicinanza di tutto il nostro Paese". Lo afferma in una nota il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
 
"La follia omicida del terrorismo ha colpito a Berlino toccando anche l'Abruzzo, e oggi piangiamo la scomparsa di una giovane di Sulmona (L'Aquila). Il sorriso radioso di Fabrizia Di Lorenzo è la risposta più bella a chi ha la mente devastata dall'odio. Quel sorriso vivrà per sempre nelle foto e nei ricordi di chi l'ha conosciuta; l'odio partorito da una mente bruta è destinato all'oblio del tempo.
    Alla famiglia di Fabrizia e a quanti le hanno voluto bene l'Abruzzo si stringe commosso: questa è terra feconda di amore, e il terrorismo non passerà". Sono le parole, affidate a una nota, del presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso. 22 dicembre 2016
 
@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 1559

Condividi l'Articolo