GUARDA LE FOTO

"In acqua c'è una signora morta". Erano le 16 di oggi quando il cadavere di una donna è stato avvistato, ad Ortona (Ch), nel tratto di mare antistante Parco Ciavocco, sotto il castello aragonese, tra gli scogli e in balìa delle onde. A dare l'allarme un podista che era sulla pista ciclopedonale e che ha allertato i lavoratori dell'impresa Re.Ma., della provincia di Frosinone, che sta effettuando la ristrutturazione delle gallerie della linea ferroviaria, che, in questo tratto, guarda sulla spiaggia. Loro hanno avvisato la Capitaneria di porto, e i guardacoste, di lì a poco, giunti sul posto, hanno ripescato il corpo.

La salma è stata adagiata sull'arenile e coperta. Nel frattempo sono arrivati i carabinieri di Ortona, anche del reparto scientifico, e il sindaco Leo Castiglione. Il sostituto procuratore di Chieti, Giancarlo Ciano, ha aperto un fascicolo. Per un po' il corpo è rimasto senza un nome, dato che addosso alla donna non c'erano documenti. Poi qualcuno, giunto sul posto, l'ha riconosciuta. Si tratta di A.P., del '49, pensionata di Ortona, che era uscita da casa da poche ore. Sembra che soffrisse di depressione e, quindi, stando agli accertamenti delle forze dell'ordine, potrebbe trattarsi di suicidio. Il corpo è stato portato all'obitorio di Chieti.

Foto Andrea Franco Colacioppo e Serena Giannico

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 6062

Condividi l'Articolo

Articoli correlati