Non vogliono andare via dall'albergo in cui si trovano e si stanno opponendo al trasferimento disposto a seguito di ordinanza della Protezione civile nazionale del 20 ottobre scorso, secondo cui gli ucraini accolti negli alberghi debbano trovare sistemazione in appartamento.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

A Lanciano (Ch), i profughi ospitati all'Hotel Excelsior, non vogliono essere trasferiti a Polla, in provincia di Salerno, o nel Casertano. Stamattina, sul posto, la polizia, che ha cercato di mediare, assieme alla Protezione civile regionale.

"Abbiamo paura - dicono i profughi, - anche perché di queste sistemazioni già avvenute in altri luoghi, parlano male. Qui alcuni di noi hanno trovato un lavoro. Qui abbiamo l'ospedale a pochi metri dove ci stanno curando, anche patologie come tumori. Qui i nostri figli vanno a scuola".

Qui, 12 giorni fa, è nata anche una bimba, Dominica. Fa presente Olena, 27 anni, madre della piccina: "Abbiamo trovato ottima accoglienza. Sono qui da 6 mesi e non voglio che mi mandino altrove. Vogliamo restare a Lanciano, ci si trovi qui una casa in cui stare".

“C’è un provvedimento del Governo - rimarca Morena Serafini, Protezione civile regionale - e debbono essere trasferiti".

"Sono giorni che piangono - dice Mario Ciccocioppo, titolare dell'albergo -, non vogliono lasciare la città. Da ottobre ne abbiamo ospitati circa 80, ne sono rimasti 45, e 13 questa mattina debbono traslocare...". Alla fine sono stati convinti al trasloco, a malincuore. Messi su pulmini e portati in Campania. Altri lasceranno l’albergo domani, 9 novembre. “Ci sono insegnanti, una pianista di successo - riprende Ciccocioppo - per la maggior parte donne, madri con bambini. Temono per se stessi, per i propri figli. Io ho assunto una di loro, una eccellente cuoca, che adesso sarò costretto a licenziare. E poi quel fiocco rosa, con l’orsacchiotto appeso all’ingresso dell’albergo, mi fa ben sperare per il futuro". 08 nov. 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3804

Condividi l'Articolo