Due morti sulle montagne d'Abruzzo: gli incidenti in provincia di Pescara
GUARDA LE FOTO

Giornata nera in Abruzzo. Due incidenti mortali (vedi foto) in montagna, nel territorio della provincia di Pescara.

Erano usciti, in mattinata, per praticare sci alpinismo, tre escursionisti di Pescocostanzo (Aq) e Roccaraso (Aq) e, tra essi, anche due maestri di sci, ma uno di loro è deceduto.
 
Il gruppetto è andato a Sant’Eufemia a Maiella (Pe).  Si trovava sulla Majella, a Passo San Leonardo, lungo l’itinerario sciistico Rava della Giumenta Bianca, che porta sulla cima del Monte Amaro. Ad un tratto però Marco Trozzi, durante la salita sulla cima innevata, a quota 2.500 metri, è scivolato all’indietro ed è stato vano il tentativo di uno degli amici di bloccarlo. E' precipitato in un canalone per oltre un chilometro, sbattendo sulle rocce, ed è morto sul colpo, a seguito dei violenti traumi. L’amico che ha travolto, è rimasto ferito ed è ricoverato all'ospedale di Popoli. 
L'ultimo della comitiva, anche lui un maestro di sci, che non è stato coinvolto nell’incidente, ha allertato il 118 di Pescara, che ha chiesto  l’intervento del Soccorso Alpino e Speleologico, i cui tecnici, assieme ai sanitari del 118, a bordo di un elicottero sono decollati dall’aeroporto di Pescara, per effettuare gli interventi di recupero. La vittima, albergatore, lascia la moglie e tre figli. Il 21 aprile scorso, aveva compiuto 60 anni, festeggiando con due torte su cui erano disegnate le sue passioni, ossia lo sci e la bicicletta.
 
A perdere la vita poi, in un altro incidente, un anziano di Tocco da Casauria (Pe), che era andato a fare una passeggiata in montagna per raccogliere gli asparagi, in contrada Francoli, a Tocco. G.M. di 71 anni, è scivolato in un crepaccio nascosto dalla folta vegetazione ed è precipitato nel fiume Pescara  e non ha avuto scampo. I familiari, la moglie e il figlio, non vedendolo rientrare, lo hanno localizzato con il cellulare e hanno scoperto che era finito nel fossato, così hanno allertato il 118, che ha attivato il Soccorso Alpino, che è intervenuto. Ma per il pensionato non c'era più nulla da fare.
 
Daniele Perilli, presidente del Soccorso Alpino e Speleologico d'Abruzzo, ricorda l’importanza della prevenzione: “E' necessaria - dice - un’adeguata preparazione fisica per approcciare la montagna in sicurezza; occorre comunicare il luogo dell’escursione e il presunto orario di rientro; scegliere abbigliamento e attrezzature tecniche idonei alla destinazione; portare sempre il cellulare e una piccola dotazione di primo soccorso; controllare sempre il meteo prima di affrontare un’escursione o una scalata; studiare i percorsi e avere le cartine della zona scelta per l’escursione; portare bevande ed alimenti idonei; se non si ha esperienza, affidarsi alle guide alpine e agli accompagnatori di media montagna del Cai". Bisogna - aggiunge - "scaricare l’app Georesq per essere localizzati, che è gratuita per soci del Cai; in caso di necessità chiamare il 118 e attivare il Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo”. 28 apr. 2022
 
@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 1781

Condividi l'Articolo