Festa di San Domenico e rito dei serpari a Cocullo: suggestioni in bianco e nero
GUARDA LE FOTO

Suggestivi scatti in bianco e nero raccontano l'ultima Festa di San Domenico, con il rito dei serpari, a Cocullo (Aq). 

Le foto, durante la processione e in piazza, sono state scattate da Salvatore Diodato.

Nonostante la pioggia battente, in migliaia hanno affollato il borgo dell'Aquilano. Un rito antico, unico, tra sacro e profano, che si rinnova ogni primo maggio e che è legato alla devozione delle popolazioni del luogo per San Domenico Abate. Esso è anche candidato a diventare bene immateriale Unesco.

In piazza i serpari che, dopo essere andati a caccia di rettili in montagna, animali che custodiscono gelosamente e che poi reimmettono nel loro habitat naturale, vestono la statua di San Domenico con le serpi: quindi la processione per le vie del paese.

Secondo la tradizione, se i serpenti coprissero il viso del santo sarebbe di cattivo auspicio. Quest'anno la funzione religiosa che precede la processione è stata officiata dal vescovo di Sulmona-Valva, monsignor Michele Fusco. Presenti, oltre al sindaco Sandro Chiocchio, autorità di vari comuni. "Una festa nota in tutto il mondo - afferma il presidente della Regione, Marco Marsilio, che ha partecipato ai riti religiosi - che è una vetrina per l'intero Abruzzo". Presenti anche troupe tedesche e coreane per filmare serpi e serpari.
02 mag. 2023

@RIPRODUZIONE VIETATA

 

totale visualizzazioni: 990

Condividi l'Articolo