Abruzzo. Sicurezza sul lavoro. 'Tre milioni per le imprese del cratere sismico'

Sicurezza sui luoghi del lavoro e investimenti. Nell’area del cratere sismico in arrivo 3 milioni di euro per le imprese. Sono di forte impatto le nuove misure di contrasto al contagio del Covid-19. Il commissario alla Ricostruzione, Giovanni Legnini, sottoporrà l'ordinanza il prossimo 30 aprile alla cabina di coordinamento con i governatori delle Regioni Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo.

Nello stesso giorno sarà esaminato anche il testo dell'ordinanza di semplificazione delle procedure per la presentazione delle richieste di contributo alla ricostruzione degli immobili privati che fisserà, tra l'altro, "tempi certi e molto più contenuti di quelli attuali per l'esame delle domande e l'avvio dei lavori".

Nel ricordo della Giornata mondiale della salute e della sicurezza sul lavoro, Legnini fa presente che “la nostra prima necessità è quella di garantire il rispetto rigoroso delle misure di prevenzione nei cantieri di ricostruzione nel Centro Italia colpito dal sisma 2016, che il 4 maggio potranno ripartire, sia per contrastare e contenere il contagio del Covid-19 che gli infortuni". L’investimento di 30 milioni complessivi sul territorio è frutto dei fondi che arrivano dall'Inail, sono disponibili dal 2017, e benché siano già stati resi disponibili con un bando, sono stati utilizzati finora solo in minima parte.

La ripartizione dei 30 milioni è la seguente: 18,6 sono assegnati alle Marche, 4,2 a Lazio ed Umbria, 3 milioni all'Abruzzo. "Lavorerò in sinergia con le autorità preposte ai controlli e d'intesa con le parti sociali per far sì che sicurezza, rispetto dei diritti e legalità siano garantiti nei cantieri della ricostruzione, che dovranno progressivamente aumentare a ritmi accelerati, già nei prossimi mesi, in virtù delle misure che stiamo adottando", conclude Legnini.

Alessandro Di Matteo

@RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 1011

Condividi l'Articolo