A Lanciano nuovo infopoint della società Ecolan, che chiude  un bilancio da 29 milioni
GUARDA LE FOTO

Sfiora i 29 milioni di euro il bilancio 2023 di Ecolan Spa,con sede a Lanciano (Ch), che si occupa della raccolta dei rifiuti e dell'igiene urbana in 76 comuni soci della provincia di Chieti.

Era di un milione di euro in meno nel 2022, mentre nel 2023 è stato esattamente di 28 milioni e 701 mila euro. Il risultato utile di esercizio 2023 è stato di 592 mila che l’assemblea dei sindaci ha deciso di destinare ai Comuni per implementare i servizi. I dati sono stati resi noti oggi dal presidente di Ecolan Massimo Ranieri nel corso dell’inaugurazione di un infopoint per i cittadini a Lanciano e dei comuni del comprensorio, al centro commerciale "La Fontana - Oasi".

"Lo sportello – dice Ranieri - è previsto dalla delibera Arera per venire incontro anche ai cittadini che hanno un basso livello di digitalizzazione e che non sono in grado di accedere ai servizi on line. Al punto informativo si possono ritirare i mastelli, le buste per il pattume, prenotare il ritiro dei rifiuti ingombranti e altre informazioni sulle tariffe". 

All’iniziativa erano presenti il sindaco Filippo Paolini, presidente dell’assemblea dei sindaci, l’assessore alla Transizione ecologica Tonia Paolucci e l’assessore regionale Nico Campitelli. Il presidente Ranieri ha inoltre confermato che per inizio 2025 per l’intera città di Lanciano entrerà in funzione la tariffa puntuale, ora in sperimentazione al quartiere Santa Rita, che consente di fare una migliore raccolta e con risparmio per gli utenti nelle tariffe Tari che avranno una ecocard per accedere alle ecoisole.

Tariffa puntuale presto anche in tre comuni del parco della Majella; Guardiagrele, Lama dei Peligni e Montenerodomo. Fra una settimana parte nel parco ecologico di Cerratina di Lanciano anche la costruzione del biodigestore, 14 milioni di euro con fondi Pnrr, per il trattamento dei rifiuti organici per la produzione di biogas, successivamente raffinato in biometano.

 Quanto alla discarica comprensoriale di Cerratina, il presidente Ranieri ha annunciato che per questa estate partiranno i lavori per la realizzazione della quarta vasca dopo che la Regione ha concesso l’aumento della planimetria pari a 394 mila metri. “Attualmente in discarica abbiamo un residuo di spazio per accogliere meno di 40 metri cubi, col rischio di non arrivare al 2025. Nella discarica, facente parte del piano regionale, conferiscono lo scarto anche altri impianti”.  24 mag. 2024

WALTER BERGHELLA

@RIPRODUZIONE VIETATA

Foto ANDREA FRANCO COLACIOPPO

totale visualizzazioni: 932

Condividi l'Articolo