Quest'estate Villalago (Aq) aveva insignito l'orsa Amarena della cittadinanza onoraria. L'animale era ed è un simbolo di quei luoghi e per la sua tutela il Comune, a più riprese, si è adoperato negli anni con ogni iniziativa possibile.

Cartelloni stradali, materiale informativo, attività di educazione ambientale rivolte ai bambini ed incontri con i cittadini con una "Stazione informativo- didattica",  svuotamento sistematico dei cassonetti, monitoraggio, forum permanente con le istituzioni per l'adozione di misure in caso di emergenza, controllo del territorio, secchi anti orso, eliminazione dei numerosi cestini porta rifiuti. Insomma il sindaco Fernando Gatta ha creato un paese a... misura di orso. Ora la morte di Amarena, uccisa a fucilate da un 56enne di San Benedetto dei Marsi (Aq). 

"La nostra comunità ti aveva accolto e protetto, te ed i tuoi cuccioli, potendo con rispetto ammirare lo spettacolo della natura", c'è scritto in un post sui social del Comune. 

Ora l'amministrazione scrive al Parco nazionale d'Abruzzo sottolinando che Villalago "è sconvolta dal tragico evento che per mano umana ha distrutto e reso inutile il sacrificio profuso negli ultimi anni da tutti noi, che con determinazione abbiamo collaborato per salvaguardare Amarena e i suoi cuccioli". 

"Perdiamo un pezzo di cuore e un pezzo della nostra storia", viene aggiunto, ricordando che con deliberazione del Consiglio comunale numero 14 del 17 luglio 2023 le era stata "ideologicamente conferita la cittadinanza onoraria". 

Il desiderio adesso, sia della popolazione che della Giunta municipale, è "di accogliere Amarena, dopo un intervento di tassidermia, a Villalago, nel luogo dove si sentiva più sicura". 02 set. 2023

@RIRPODUZIONE VIETATA 

totale visualizzazioni: 56675

Condividi l'Articolo