Calcio. L'ex giocatore Giorgio Bresciani interessato a rilevare il Lanciano

Giorgio Bresciani (vedi foto) conferma il proprio interesse per il Lanciano Calcio e martedì sarà nella città frentana, per alcuni incontri, ma anche per ribadire la serietà e la sincerità delle sue intenzioni.

Dell'interessamento del dirigente sportivo ed ex calciatore di serie A - ha vestito le maglie del Torino, Atalanta, Cagliari e Napoli -, ha parlato, nel corso dell'ultima conferenza stampa, il vicepresidente del Lanciano, Claudio Alluni, dicendo che l'offerta fatta non incontrava parere favorevole da parte della dirigenza del club rossonero. Al momento si tratta di un interessamento, non c'è alcuna trattativa in corso, né è avvenuto un confronto tra le parti che possa far pensare ad un accordo in breve termine. Secondo quanto detto da Bresciani, la sua offerta sarà sul tavolo della trattativa il 16 dicembre, qualora la società perdurasse nello stato di morosità. Bresciani, che investirebbe capitale proprio, sarebbe a capo di una serie di società non locali, ma non per questo esclude la possibilità dell'ingresso di imprenditori del posto, da poter inserire anche in un futuro staff. Punto fondamentale di tutta l'operazione sarebbe la quantificazione e la qualificazione della situazione debitoria, cioè individuare esattamente le somme e i soggetti verso cui c'è morosità. Questo per evitare che nel futuro ci possano essere delle "sorprese".

E' chiaro che tutto questo deve necessariamente passare per l'attuale dirigenza del Lanciano, che è la sola a poter instaurare un dialogo con un eventuale acquirente. Aggiungiamo che questo modo di trattare è alquanto inusuale: di solito ci si incontra intorno ad un tavolo e poi ognuno gioca le proprie carte. Una situazione diversa non farebbe altro che mettere in fibrillazione sia i giocatori, sia i tifosi, che già hanno dovuto subire nel corso della scorsa estate lo stillicidio sul cambio della società, e gradirebbero chiarezza.  30 nov. 2020

Uranio Ucci

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2026

Condividi l'Articolo