Alberi abbattuti riprendono vita e diventano sculture nella villa comunale di Casoli
GUARDA LE FOTO

Domenico Ferrante, scultore poliedrico nato a Lanciano (Ch), riporta in vita... la natura morta.

L'artista in questo periodo sta lavorando a Casoli (Ch) dove, dal  mese di novembre dell'anno scorso, si reca nei fine settimana per trasformare i tronchi di alberi tagliati in opere d'arte: da semplice materiale a forme nuove. Ferrante, attraverso le sue creazioni, ridà linfa a piante abbattute. Cinque tronchi, provenienti da quindici alberi abbattuti la scorsa primavera nella villa comunale, oggi, sono diventati sculture già completate, mentre il resto delle lavorazioni è pronto a partire affinché si concretizzi il progetto che Casoli possa vantare di una mostra d’arte immersa nel verde, con uno straordinario impatto visivo che cattura l’attenzione di tutti. Un artista che plasma sul legno le sue idee.

L’iniziativa di utilizzare i fusti degli alberi per scolpirli è stata presa in seguito alla deliberazione della Giunta comunale di Casoli, la 29 del 16 marzo 2023, attinente alla riqualificazione della villa. L'amministrazione di Casoli, guidata dal sindaco Masimo Tiberini,  si è messa alla ricerca di un artista del legno, di un maestro dalle abilità accertate, che potesse valorizzare, con il proprio "tocco magico"  gli alberi morti, diventati uno scarto, tramutandoli in pezzi unici e conferendo loro una nuova identità. 

"Sono a metà dell'opera e sono soddisfatto - dice Ferrante -: non scherzavo quando ho accettato di intraprendere questo progetto, ero certo che sarei riuscito a trasformare i tronchi in arte. Ciascuna  scultura ha un “titolo”. Però si descrivono da sole, perché autentiche. Ogni scultura è un inno alla rinascita e alla preservazione delle risorse ambientali".

Infatti, ogni opera affronta una diversa tematica: tradizione, cultura, accoglienza, violenza sulle donne (l’ultima scultura è dedicata al femminicidio, rappresentata da due scarpe con il tacco, simbolo delle donne vittime di violenza).

Spetterà poi all'amministrazione di Casoli allestire e prendersi la cura dell'area verde, per garantire la pulizia e la manutenzione delle sculture nel corso degli anni, per preservarne la bellezza originaria. 08 mar. 2024

LINDA CARAVAGGIO

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1968

Condividi l'Articolo