Fara San Martino. Dalla pasta ai prodotti da forno: DelVerde punta su bio, natura e salute
GUARDA LE FOTO

Natura, tradizione e benessere. L'industria DelVerde, acquisita il 9 aprile scorso da Newlat Food, uno dei colossi italiani nel settore agro-alimentare, che l'ha rilevata dal gruppo argentino Molinos Rio de la Plata, punta ad ampliare le proprie categorie merceologiche, con "un ambizioso progetto salutistico", che viene illustrato in azienda, sotto gli speroni rocciosi di Fara San Martino. Ad introdurre i lavori, davanti a sindaci, giornalisti ed imprenditori del territorio, il treasury manager Pierangelo Verna. Protagonisti, da subito, saranno i prodotti da forno, "partendo da crostini e fette biscottate - come spiega Luca Ruffini, amministratore delegato dell'azienda abruzzese, che conta un fatturato di 30 milioni e 120 dipendenti -. Poi si amplierà la gamma della pasta gluten free e dei "nidi", che verranno realizzati a base d'uovo".

Un marchio forte, da cui si parte per innovare, sfruttando comunque sempre quell'acqua pura di sorgente, la trafilatura in bronzo e la lenta essiccazione che hanno fatto di DelVerde una realtà conosciuta in tutto il mondo. Oggi DelVerde esporta in 65 Paesi. I mercati principali sono Canada, Usa e Russia, oltre all'Italia. Un marchio da rafforzare e sfruttare, facendolo diventare un umbrella brand, capace, quindi, di accogliere in sé prodotti diversi e - sottolinea Ruffini - "di giocare un ruolo primario a livello internazionale".

Qualità e, di più, DelVerde come stile esistenziale, ossia "Vivi DelVerde" o "Living DelVerde". Queste le intenzioni del patron di NewLat, Angelo Mastrolia, nel ribadire che la pasta rimarrà il pilastro dell'azienda, che opererà in sinergia con le altre del gruppo. "Investiremo in ricerca e tecnologie - evidenzia - e quindi largo a nuovi prodotti". Che, partendo dal buono, includeranno anche parole chiave come vegano, genuino, vegetale, bio, integrale, eco, leggero, giovane, trendy, wellness. Niente grassi, niente coloranti, niente conservanti, farine particolari, come quella ricavata dal grano Senatore Cappelli.

Una filosofia alimentare che sarà attuata anche con la collaborazione di Alberico Lemme, che ama definirsi "farmacista nutrizionista", nato a Archi (Ch), conosciuto come "il dietologo dei vip", noto per la sua partecipazione al "Grande Fratello", personalità straripante e supercontestata nei salotti televisivi, come quelli di Barbara D'Urso. Uno che, però, riguardo alla sana alimentazione sembra sapere il fatto suo. Insomma per DelVerde un domani genuino e il più naturale possibile, mentre Newlat, che abbraccia diversi altri marchi storici, come Buitoni, Giglio e Polenghi, e che ha un fatturato di 350 milioni, procede verso la quotazione a Piazza Affari. 

Serena Giannico

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1447

Condividi l'Articolo