Bper vuole chiudere 15 filiali in Abruzzo, Marsilio: 'Grave danno'

La Bper- Banca popolare dell'Emilia Romagna vuole chiudere 15 filiali in Abruzzo.

Sulla questione interviene il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio che, in una lettera inviata all’amministratore delegato e direttore generale della banca, Piero Luigi Montani, esprime preoccupazione.

"Tale decisione, qualora venisse confermata – recita la nota – rischierebbe di produrre gravi conseguenze sul sistema del credito e del risparmio della mia regione, già messo a dura prova da analoghi procedimenti di razionalizzazione avviati in passato da altri istituti di credito".

Tra gli uffici a rischio il presidente Marsilio ha indicato anche l’attuale direzione territoriale Abruzzo-Molise, con sede a Lanciano (Ch), che verrebbe incorporata in una nuova direzione con sede nelle Marche, con il "conseguente spostamento dei processi decisionali e ridimensionamento delle singole realtà territoriali presenti in Abruzzo".
Marsilio ha quindi chiesto un confronto al fine di trovare una soluzione più attenta alle esigenze del territorio.

E lunedì prossimo, alle 13, il responsabile dell’area centro-est di Bper, Giuseppe Marco Litta, sarà a Palazzo Silone per un incontro. 24 marzo 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 4519

Condividi l'Articolo