Distruggono tartufaie a Civitella Messer Raimondo: incastrati da fototrappole e indagati

Dopo lunga e complessa attività di indagine, i carabinieri forestali di Villa Santa Maria (Ch), con il coordinamento della Procura di Chieti, hanno notificato due avvisi di garanzia a carico di A.B. e T.D., entrambi dell''84.

Agli indagati è stato contestato il reato di danneggiamento aggravato, per aver deteriorato alcune tartufaie, compromettendone lo stato di conservazione e l'habitat naturale, all'interno di un'area classificata ''Zona A1 a conservazione integrale'' nel comune di Civitella Messer Raimondo (Ch).

L'identificazione dei due è stata possibile grazie al lavoro certosino svolto dai militari che hanno acquisito le immagini di alcuni impianti di videosorveglianza, di fototrappole piazzate nei boschi.

La cosiddetta ''zappatura'' - fa presente la Forestale - è una pratica vietata dalla legislazione italiana, in quanto considerata fortemente dannosa per il patrimonio naturale, tanto più che l'Unesco ha dichiarato le tartufaie naturali ''Patrimonio culturale immateriale dell'Umanità''. Si ricorda che la ricerca e la raccolta dei tartufi devono essere effettuate in modo da non arrecare danno alle tartufaie, avvalendosi di un cane appositamente addestrato e, per l'estrazione dal terreno, solo di attrezzi idonei. L'utilizzo del cane permette di localizzare il punto preciso dove è localizzato il tartufo, consentendo inoltre l'individuazione dei soli esemplari maturi. L'impiego del vanghetto o della zappetta (per la sola provincia di L'Aquila), quando non sia possibile estrarre il fungo direttamente con le mani, consente inoltre di limitare al minimo i danni alle radici delle tartufaie; si ricorda, inoltre, come le buche scavate per l'estrazione dei tartufi, debbano essere obbligatoriamente riempite con il terriccio precedentemente asportato".

I due dovranno rispondere di danneggiamento al patrimonio archeologico, storico o artistico nazionale, distruzione o deturpamento di bellezze naturali e rischiano l'arresto fino ad un anno o l'ammenda fino a 6.197 euro. 13 dic. 2023

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1234

Condividi l'Articolo