Guerra ai cinghiali: a Lanciano arriva l'ordinanza del sindaco Paolini per l'abbattimento

E' guerra ai cinghiali. Per motivi sanitari e per l’incolumità pubblica il Comune di Lanciano (Ch) interviene per arginare il problema, con l'abbattimento cosiddetto selettivo.

In città ormai la presenza dei cinghiali è acclarata. Il sindaco Filippo Paolini con apposita ordinanza, la numero 168 del 24 giugno scorso ha disposto così il controllo degli ungulati nelle zone urbane e limitrofe di via per Treglio, quartiere Santa Rita, via Iconicella, via Vecchia Iconicella, via del Mare, via Bergamo, via Firenze, via San Giovanni da Capestrano, via Santa Croce, via Tinari e nelle seguenti contrade: Gaeta, Santa Giusta, Villa Andreoli, Madonna del Carmine, Costa di Chieti, Sant'Amato, Nasuti e Spaccarelli.

E' vietato fornire scarti alimentari agli animali selvatici, in particolar modo al "comune cinghiale"; inoltre è fatto d’obbligo per i proprietari o possessori di terreni prospicienti le strade del Comune, di mantenere puliti e sgomberi i terreni stessi, dalla vegetazione infestante e di attivare le necessarie azioni di bonifica e ripulitura degli stessi, allo scopo di prevenire il crearsi di condizioni ecologiche favorevoli alla penetrazione e all’ambientamento dei cinghiali.

Considerato che i cinghiali sono in cerca di cibo e che talvolta lo trovano nei cassonetti dell’immondizia lo stesso sindaco ha ordinato anche il rispetto del conferimento dei rifiuti secondo i giorni e gli orari comunicati dalla società gestore dei servizi di igiene urbana, Ecolan, e di utilizzare correttamente i mastelli/contenitori, consegnati per il conferimento dell’organico, al fine di evitare la presenza incontrollata di cibo sulle strade.

Le attività di controllo, intensificate per reprimere ogni forma di abbandono di rifiuti o errato conferimento degli stessi, in difformità di legge e/o regolamenti, nonché la verifica dell’osservanza degli obblighi e l’eventuale attività sanzionatoria sono demandate alla polizia municipale.

Nell’ordinanza il sindaco incarica la polizia provinciale di Chieti, in avvalimento della Regione Abruzzo, di rimuovere gli esemplari di cinghiali vaganti e abituati a frequentare le aree urbane in cerca di cibo. 27 giu. 2022

ALESSANDRO DI MATTEO

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2112

Condividi l'Articolo