Pescara. I Premi Flaiano a Jude Law e a Monica Bellucci; a 'Report' per il giornalismo
Parata di star ai prossimi Premi Internazionali Flaiano.

 L'avvocato Carla Tiboni ha annunciato, stamane, al MediaMuseum di Pescara tutti i vincitori della 48 edizione, sezioni cinema, teatro e televisione. La serata conclusiva è prevista per il 4 luglio al Teatro d'Annunzio a Pescara.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

Cinema. Se l'anno scorso era toccato all'attrice Premio Oscar, Helen Mirren, stavolta il Premio alla carriera andrà a Monica Bellucci, nota in tutto il mondo che, nel suo palmares, annovera partecipazioni a film come 'Matrix' e la saga di '007'. Riconoscimenti anche a Vincent Riotta e a Jude Law, che però non potrà ritirare di persona il "Pegaso d'Oro" perché impegnato con le riprese di una nuova pellicola: manderà dunque un videomessaggio. Per la sceneggiatura riconoscimento a Francesco Bruni per il film "Cosa sarà"; per la regia a Edoardo Ponti per la pellicola "La vita davanti a sé"; per la regia di un documentario a  Alex Infascelli per "Mi chiamo Francesco Totti"; per la regia opera prima a Gianluca Jodice per il "Il cattivo poeta", sulla vita di Gabriele D'Annunzio, con interprete Sergio Castellitto; per l'interpretazione maschile ad Alessandro Gassmann per "Non odiare" e  Massimo Ghini per "La volta buona"; per l'interpretazione femminile a  Carolina Crescentini per "La bambina che non voleva cantare"; per i costumi ad Andrea Cavalletto per "Il cattivo poeta". A Ibrahima Gueye va il Premio della Presidenza per "La vita davanti a sé". 

Giornalismo. Premio come miglior programma a "Report" per Sigfrido Ranucci. Verranno premiati anche Bernardo Valli e poi Stefano Bollani e Valentina Cenni per "Via dei Matti n.0", miglior programma culturale.

 Teatro. Premio alla carriera a Laura Marinoni e Remo Girone. 

 Tv. Per la regia fiction premio a Gianluca Maria Tavarelli per "Chiamami ancora amore"; per  la sceneggiatura a Giordano Meacci e Francesca Serafini per "Carosello Carosone"; per l'interpretazione femminile a Cristiana Capotondi per  "Chiara Lubich – L’amore vince tutto". 

Letteratura. A Michel Houellebecq, il Premio internazionale di Narrativa. I finalisti per la Narrativa over 35 sono Antonio Pennacchi per "La strada del mare", Gianni Solla per !Tempesta madre" e  Mariapia Veladiano per "Adesso che sei qui": il vincitore si saprà dopo la votazione del 3 luglio. I finalisti per la Narrativa under 35  sono Maddalena Fingerle per "Lingua madre"; Giorgia Tribuiani per "Blu" e Alice Urciuolo per "Adorazione": il vincitore si saprà dopo la votazione del 3 luglio. Premi  speciali a Walter Pedullà e a Claudio Piersanti. 

 Italianistica. Premi a  Gaetana Marrone per "The Cinema of Francesco Rosi" – IIC New York;  Jaana Vaahtera e Paivi Mehtonen per "Kansankielestä. De vulgari eloquentia" – IIC Helsinki e  Alfonso Campisi per "Terres promises" – IIC Tunisi. 

Premio speciale allo scrittore Remo Rapino, vincitore dell'ultimo Campiello, e Carmine Perantuono (Rete8) per il documentario "Gli occhi di Liborio". 21 giu. 2021

 @RIPRODUZIONE VIETATA 

totale visualizzazioni: 1585

Condividi l'Articolo