Pescara. Schiaffi, pugni e morsi alla compagna davanti ai figli piccoli: arrestato

Giovane donna aggredita e picchiata con calci, schiaffi, pugni e morsi dal convivente, davanti ai figli piccoli. Un vicino sente le grida di aiuto di dei e chiama il 113. E per l'uomo scattano le manette.

E' successo a Pescara. Dall’appartamento, l’altro ieri, proveniva il fracasso di oggetti frantumati e di urla. Un vicino ha deciso di non far finta di niente ed ha avvertito la polizia.

Arrivati sul posto, gli agenti della Volante hanno bloccato l’aggressore mentre continuava ad urlare ed a minacciare la compagna davanti ai due figli minorenni che piangevano terrorizzati. La donna, che che ha riportato contusioni e lesioni al volto, al collo, alle braccia e alle caviglie, è stata subito trasportata al Pronto Soccorso, dove è stata medicata con prognosi di 15 giorni, salvo complicazioni.

Secondo la ricostruzione delle forze dell'ordine, che hanno applicato il protocollo operativo previsto a sostegno delle vittime di violenza, l’uomo aveva aggredito furiosamente la giovane dopo una futile discussione, davanti ai bambini. E non era la prima volta. Già in passato la donna aveva presentato una querela contro il compagno, per lesioni personali, ma poi l’aveva ritirata. Motivi, questi, più che sufficienti per arrestare l’uomo che è stato anche allontanato da casa e dalla famiglia, con divieto di avvicinamento.  15 dic. 2020

Iaia Fioretti

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 893

Condividi l'Articolo