Tentato omicidio in Piazza Salotto a Pescara. Terzo intervento chirurgico per il cuoco ferito

Terzo intervento chirurgico per il 23enne ferito domenica scorsa a colpi di pistola in piazza Salotto a Pescara.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

Lo comunica la Asl che ha emanato un bollettino ufficiale. Il ragazzo, Yelfri Guzman, di origine dominicana, che vive a Pescara e che stava lavorando nel ristorante "Casa Rustì", è stato ferito, con una calibro 22,  da un cliente, Federico Pecorale, 29 anni, originario di Montesilvano (Pe) ma che risiede in Svizzera e che era rientrato in Abruzzo da alcuni giorni.

L'aggressore, erano da poco passate le 13, dopo aver pranzato nel locale, ha chiesto di volere altra carne e dopo un po', sostenendo che gli arrosticini erano insipidi, ha prima sferrato un pugno a Guzman, il cuoco, e poi ha estratto l'arma e ha cominciato a fare fuoco. La vittima è stata attinta da diversi proiettili, esplosi contro di lui anche quando era già steso sul pavimento, in gravi condizioni.

Il giovane è stato sottoposto nella stessa giornata dell'assalto armato a due operazioni d’urgenza nel reparto di chirurgia toracica diretto da Marco Casaccia per la messa in sicurezza del torace e l’estrazione delle pallottole. Nella serata di ieri, invece, - spiega la Asl - "è stato sottoposto a laminectomia per decomprimere il midollo spinale sofferente a seguito del trauma cinetico legato all'ingresso del proiettile".

L'intervento è stato a cura dell'equipe di Neurochirurgia dell'ospedale di Pescara diretta da Donato Zotta. Attualmente il ragazzo è stabile. Sono "in via di riduzione i farmaci sedativi". Zotta riferisce che "il quadro neurologico complessivo potrà essere più chiaro entro 72 ore".

I famigliari, costantemente aggiornati sulle condizioni cliniche dai medici della Rianimazione, diretta da Rosa Maria Zocaro, "hanno potuto regolarmente visitare il giovane con le dovute precauzioni". 12 aprile 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1536

Condividi l'Articolo