Quattro officine meccaniche e carrozzerie abusive sequestrate a Lanciano e in altri centri del Frentano

Il Comando provinciale della Guardia di finanza di Chieti, nell’ambito dell’azione di contrasto all’economia sommersa, ha scoperto quattro attività irregolari, tra officine e carrozzerie totalmente abusive.

In particolare, i militari della compagnia di Lanciano (Ch), al termine di complesse indagini svolte sul territorio - esperite anche attraverso l’analisi di annunci pubblicati su siti internet - hanno individuato quattro esercenti che si occupano di riparazione e manutenzione di autovetture e motocicli nonché di vendita on line di pezzi di ricambio, privi di licenza, di autorizzazione comunale e di partita Iva.

E' quindi scattato il sequestro, per la successiva confisca, della totalità delle attrezzature e delle strumentazioni rinvenute nonché di una rilevante quantità di pezzi di ricambio per autovetture e motocicli.

L’attività è stata eseguita con il supporto del Reparto aeronavale di Pescara che ha effettuato ricognizioni del territorio, finalizzate alla mappatura delle zone di intervento.

Nei confronti di ciascuno dei titolari delle attività, oltre al sequestro dei locali ed alla denuncia alla Procura, per violazione di norme penali tributarie, sono state immediatamente comminate sanzioni per oltre cinquantamila euro, in assenza delle autorizzazioni previste dalla normativa vigente (esercizio di attività di autoriparazioni senza l’iscrizione nell’apposito registro della Camera di Commercio).

Sequestrata, altresì, una cabina forno per la verniciatura delle automobili, in quanto priva dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera, oltre che copioso materiale di risulta (residui di vernici e parti di carrozzeria) smaltito illegalmente. In quest’ultimo caso, per il titolare è scattata anche la denuncia per violazione delle norme in materia ambientale, ossia esercizio di deposito senza autorizzazione e abbandono e deposito incontrollato di rifiuti.

Identificati anche tutti i proprietari dei veicoli presenti nelle officine nei cui confronti saranno erogate sanzioni amministrative fino a 200 euro per essersi avvalsi di servizi di manutenzione e riparazione da parte di imprese non iscritte all’albo.

Gli accertamenti delle Fiamme Gialle proseguono. 04 ago. 2023

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2884

Condividi l'Articolo