Paura sull'aereo Tirana-Roma: passeggeri minacciati e atterraggio d'emergenza a Pescara

Quaranta minuti di paura per i passeggeri del volo Blue Express Panorama partito alle 16.45 da Tirana e diretto a Roma-Fiumicino. Un albanese, di 29 anni, subito dopo il decollo ha cominciato a dare in escandescenze con urla rabbiose e minacce rivolte agli altri passeggeri, terrorizzati. Poi si è scagliato contro il padre che gli sedeva vicino e ha preso a picchiarlo in volto, ripetutamente.

Nessuno, neppure il personale di bordo, è riuscito all'inizio a calmarlo. Vedendo che gli atti violenti contro l'anziano padre e le minacce si ripetevano pericolosamente è intervenuta una donna seduta vicino, Simona Gori, direttore generale dell'azienda italiana Consulcesi Group, che è riuscita a tranquillizzare l'uomo, a tratti facendolo parlare dei suoi problemi, anche grazie alle tecniche acquisite di coaching e relazioni interpersonali.

Il velivolo ha effettuato un atterraggio d'emergenza a Pescara. Il giovane è stato così bloccato dalla polizia di frontiera, che vedrà come procedere nei suoi confronti, e affidato al 118, intervenuto con l'ambulanza medicalizzata. Il giovane è stato trasportato in ospedale, nel reparto di Psichiatria, dove sono in corso tutti gli accertamenti. Il padre, che non ha riportato lesioni, lo ha accompagnato. L'aereo è quindi ripartito per la capitale, dove è arrivato alle 19.30. 

"All'inizio ho avuto un po' di paura perché quel ragazzodiceva di avere una pistola. Era molto agitato, urlava forte, dava pugni in faccia al padre che cercava di fermarlo. Ma ho capito che aveva bisogno di parlare, e lui stesso gridava, cercando aiuto alle donne italiane che erano sul volo", racconta Simona Gori. "Diceva di avere un debito di 40 mila euro e che gli avevano rubato la moglie. Sono stati momenti concitati, ho cercato di tenere impegnato quel ragazzo, anche per distoglierlo dall'anziano padre che continuava a malmenare. Gli ho offerto dell'acqua, gli ho spiegato che lì quei soldi non li avevo, ma gli ho detto che poteva raccontarmi tutto. C'era molta tensione a bordo, tanto spavento quando quell'uomo si è messo a scavalcare i sedili correndo verso il fondo dell'aereo. Alla fine siamo atterrati a Pescara, sono saliti sei poliziotti e l'hanno portato via". 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 4594

Condividi l'Articolo