Omicidio Faiers a Casoli. Martedì interrogatorio per Witbread

L’inglese Michael Whitbread, 75 anni, è stato estradato dall’Inghilterra e dall’altra notte è recluso nel carcere di Rebibbia, a Roma.

Deve rispondere dell’uccisione della convivente connazionale Michele Faiers, 66 anni, trovata morta in camera da letto, finita con nove coltellate, alla schiena e al torace. Delitto avvenuto il 29 ottobre scorso a Casoli (Ch), nell'abitazione di contrada Verratti dove la coppia viveva. Movente: la decisione di Michele di lasciarlo dopo aver scoperto che aveva una relazione con un’altra connazionale inglese.

Prima di mezzanotte di ieri l’imputato è atterrato all’aeroporto di Fiumicino dove la polizia di frontiera gli ha notificato il provvedimento di arresto internazionale firmato dal procuratore capo di Lanciano (Ch), Mirvana Di Serio.

Oggi pomeriggio è stato anche fissato il suo interrogatorio di garanzia che si terrà martedì 2 aprile alle ore 12. Il gip di Lanciano Chiara D’Alfonso sarà collegato per via telematica con l’imputato, difeso dall’avvocato d’ufficio Massimiliano Sichetti, rinchiuso, appunto, a Rebibbia e che molto presto dovrebbe essere trasferito al supercarcere di Lanciano. Lo stesso gip ha anche fissato il processo in Corte d’ Assise, a Lanciano, con inizio il prossimo 22 novembre. 30 mar. 2024

WALTER BERGHELLA 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 202

Condividi l'Articolo