Lanciano. 'Città senza ossigeno, occorre una svolta': le proposte di 'Lanciano Viva'
GUARDA LE FOTO

Un parcheggio interrato, corso Bandiera pedonale, parco giochi e bike sharing e altri interventi per ridare vita alla città. Si accendono i motori in vista delle prossime scadenze elettorali (amministrative 2021) a Lanciano (Ch). E il rombo stavolta è del comitato "Lanciano Viva", la costola politica nella provincia di Chieti del partito "Italia viva" di Matteo Renzi.

"Siamo un gruppo di liberi professionisti, imprenditori e studenti, insieme per dare un contributo politico alla città. Fra noi non c’è alcun politico, neanche dietro, nessuno che tesse le file come un burattinaio. Non abbiamo manovratori. E fra noi non ci sono neanche gli ex Pd locali. Facciamo attività politica per Lanciano guardando la città verso il traguardo del 2030", ci dice  al telefono Stefano La Morgia, avvocato e coordinatore cittadino del comitato.

Le proposte. Precipua attenzione va data alla "programmazione a lunga scadenza dello sviluppo urbano e territoriale". In tal senso è necessaria "la realizzazione di un cosiddetto centro commerciale naturale nelle vie del centro cittadino con il dichiarato scopo di dare nuova linfa al commercio ed attrarre gente da tutto l’hinterland, ponendo quindi un freno all’impoverimento dei negozi che si è avuto con la nascita dei mega centri commerciali periferici".

Il comitato propone un "project financing con la creazione, al di sotto dell’attuale Piazza D’Amico, di un’area commerciale e di un parcheggio interrato, idoneo a consentire l’assorbimento delle auto che sostano in zona, magari in forma convenzionata nelle ore notturne". E non solo, perché i vantaggi della "creazione del parcheggio interrato sarebbero la completa liberazione di Piazza D’Amico dall’attuale parcheggio e dunque la creazione di un nuovo "luogo" architettonico che restituisca l’area all’utilizzo cittadino, tramite la formazione di aree tematiche quali un parco giochi, una sosta del bike-sharing e la dislocazione di servizi al turismo".

Non sono proposte campate in aria perché un team di professioni dello stesso comitato ha messo tutto nero su bianco individuando aree per effettuare investimenti e opere in grado di rivitalizzare Lanciano. Per rinvigorire il centro urbano si propone inoltre "la pedonalizzazione di una importante via quale è Corso Bandiera e la creazione in definitiva di una vasta area pedonale che comprenderebbe anche il rinnovato Corso Trento e Trieste. Il percorso pedonale ad "anello" infatti è inserito in molteplici realtà simili al nostro agglomerato urbano e genera un circolo di indotti  utili al rilancio del commercio". E per l’attuale problema dei dehors si prevede "una differente regolamentazione in linea con lo sviluppo sostenibile proposto dalle realtà nostre vicine di casa e dalle linee guida ambientali".

"Vogliamo proporre idee e programmi perché a questa città manca l’ossigeno, e il nostro è solo l’inizio di una serie di contributi che andremo ad offrire per il territorio", conclude La Morgia.

Alessandro Di Matteo

@RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 1153

Condividi l'Articolo