Va al Pronto soccorso a Vasto perché sta male, lo dimettono e muore in casa a 45 anni
GUARDA LE FOTO

Si reca al Pronto soccorso di Vasto (Ch) perché non si sente bene, lo rimandano a casa ma dopo due giorni muore.

La Procura di Vasto (Ch), dopo l'esposto della famiglia, che si è affidata ai legali dello Studio3A, ha aperto un procedimento penale, per ora a carico di ignoti, ipotizzando l'omicidio colposo in ambito sanitario, per il decesso, ad appena 45 anni, di Davide Checchia (in foto), di Villalfonsina (Ch), avvenuta giovedì 22 febbraio scorso nella sua abitazione. Il pm Silvia Di Nunzio, che si occupa del caso, ha anche disposto l’autopsia. 

L'uomo, conosciutissimo e ben voluto da tutti, che lavorava presso la Nsg di San Salvo (Ch), dove era molto stimato, e che aveva una grande passione per la terra, dedicando il suo tempo libero allolivicoltura e alla viticoltura, la mattina di martedì 20 febbraio è andato al Pronto soccorso dell’ospedale "San Pio" di Vasto a causa di una copiosa presenza di sangue nelle feci. I medici, dopo averlo sottoposto ai vari accertamenti, tra cui gli esami del sangue che evidenziano valori “sballati”, dopo quattro ore lo hanno dimesso, non riscontrando evidentemente situazioni critiche.

Lui però ha continuato a fare sangue dalle feci, a lamentare dolori alla pancia e aveva anche la febbre a 38. Giovedì scorso, poco dopo le 18.30, si è accasciato nella sua camera. La madre, che viveva con lui, ha sentito un tonfo, è corsa nella stanza del figlio trovandolo riverso a terra, ha allertato i soccorsi ma gli operatori del 118 dell’ospedale di Gissi, arrivati in ambulanza, non hanno potuto che constatare il decesso: sul posto sono stati chiamati anche i carabinieri.

Sconvolta dall’improvvisa e inspiegabile morte del figlio, la madre ha presentato denuncia querela ai carabinieri, chiedendo all’autorità giudiziaria, di disporre gli accertamenti sulla salma del figlio, trasportata all’ospedale di Chieti. GL'incarico degli esami necroscopici è stato conferito ai medici legali Ildo Polidoro e Raffaele Visini.

Checchia lascia anche il padre e due sorelle. 28 feb. 2024

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 10425

Condividi l'Articolo