Ottant'anni fa la Rivolta di Lanciano contro i nazi-fascisti: da oggi le celebrazioni

Ottant'anni fa la Rivolta di Lanciano (Ch) del 5 e 6 ottobre 1943, per cui la città è stata insignita della Medaglia d'oro al Valor Militare. L'insurrezione contro l'occupazione nazi-fascista causò 23 vittime, 11 in combattimento e 12 per rappresaglia.

Per questa ricorrenza, è stato allestito un programma ricco di appuntamenti, presentato nei giorni scorsi in Comune, alla presenza del sindaco Filippo Paolini; del presidente provinciale dell'Anpi, Luigi Borrelli e della responsabile Anpi Lanciano, Maria Saveria Borrelli; della presidente dell'associazione "I Colori dell'Iride", Patrizia di Rocco; del presidente della casa editrice "Rocco Carabba", Gianni Orecchioni. Tante le iniziative che vedranno impegnate anche le associazioni L'Altritalia, Them Romano, Joseph, Okay oltre alle scuole. 

Lo stesso giorno, alle 18, alla Biblioteca regionale in Via de' Frentani, a Palazzo De Crecchio, l'Editrice Carabba presenta la graphic novel "Partigiano" a cura del disegnatore Ernesto Carbonetti. 125 pagine illustrate che raccontano i giorni della rivolta e della Resistenza, focalizzati sulla figura di Americo Di Menno Di Bucchianico, che aveva 31 anni all’epoca ed era il comandante della Brigata partigiana "Trentino la Barba". 

Il 4 ottobre l’associazione Them Romano presenta il progetto europeo, di itinerari culturali, Romheritage alla Casa di Conversazione alle 16, con personalità internazionali. 

Il 5 ottobre al mattino inaugurazione del Monumento Europeo nel Parco della Memoria e deposizione della corona al Samudaripen.

In Largo D'Anniballe, sulle ex caserma dei carabinieri, ci sarà l’apposizione di targhe in memoria dei carabinieri protagonisti della Rivolta. Poi, dalle 16.30, orario dello scontro tra partigiani e tedeschi, messa celebrata dall’arcivescovo Emidio Cipollone nella cappella degli Eroi al cimitero. Alle 18.30 il concerto della Banda dell'Arma dei carabinieri nella cattedrale della Madonna del Ponte. La giornata si concluderà alle 19.30 con la fiaccolata “Memoria per la Pace”: partenza da Via dei Bastioni e arrivo al monumento a Trentino La Barba, in Largo dell'Appello.

Il 6 ottobre ci sarà il tradizionale corteo che, al mattino, muovendo da piazza dell’Arciprete raggiungerà il monumento dedicato ai Martiri Lancianesi e sarà accompagnato dalla Banda dell'Arma. Alla sfilata parteciperanno autorità civili, militari e religiose oltre a tutte le associazioni coinvolte nelle celebrazioni. Alle 16.30 la Marcia degli Eroi a cura dei bimbi dell'istituto comprensivo "Mario Bosco".

“L'Abruzzo protagonista della lotta di Liberazione nazionale. Dalla caduta del regime alle Resistenze contro il nazi-fascismo: la storia del riscatto morale e civile del Paese” è il titolo di un convegno particolarmente importante che si terrà invece nel pomeriggio, alle ore 18.00, al teatro Fenaroli. Parteciperà anche Betti Leone, vice presidente Anpi nazionale. Relatori: Gianni Orecchioni, Fabrizio Nocera, Costantino Felice, Enzo Fimiani, Gianni Cerchia.

“Vogliamo celebrare questo evento storico che, nonostante il suo carattere tragico, ha reso onore e dignità alla popolazione – spiega il sindaco Filippo Paolini -. Questa celebrazione testimonia l'unità e la solidarietà dei lancianesi, in onore di tutti quei giovani che hanno sacrificato le loro vite per la libertà e la giustizia. Questo anniversario non è soltanto un momento di ricordo, ma anche un’occasione per riflettere sul valore della libertà, sulla resilienza di un popolo e sulla importanza del sacrificio per ideali superiori. La città di Lanciano risplende nel ricordo di quei giorni, un faro di speranza e di resistenza, un monito per le generazioni future sull'importanza del non dimenticare". 03 ott. 2023

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 892

Condividi l'Articolo