A Castel Frentano lite tra figlio e padre finisce a coltellate: un arresto. E la madre accusa malore

Una convivenza complicata e finisce a coltellate un bisticcio domenicale a Castel Frentano (Ch).

Una discussione in famiglia, tra figlio e padre, per futili motivi, è degenerata e Domenico Alfano, di 37 anni, al culmine della discussione, ha brandito un coltello da cucina e si è scagliato, come una furia, contro il genitore, di 63 anni. "Vi uccido", ha urlato. L'uomo si è difeso e se l'è cavata con un taglio alla mano. L'aggressore è stato disarmato dal fratello Marco. 

Nel dramma del momento, invece, la madre del ragazzo, di 57 anni, ha accusato un malore. Colpita dritta al cuore dalla violenza della lite. Ha avuto un infarto ed è stata ricoverata d'urgenza all'ospedale di Chieti dove è stata portata con l'elicottero del 118, che è stato allertato dai carabinieri quando sono intervenuti. E' stata lei, alla fine, ad aver avuto la peggio.

Il fatto è accaduto oggi intorno alle 16 in Via Olimpia, situata nei pressi del campo sportivo. Il giovane, che lavora in Sevel (ora Stellantis) ad Atessa (Ch) ed è di origini campane, di Castellammare di Stabia (Napoli), è stato condotto in caserma a Lanciano (Ch) e, a sera, su disposizione della Procura, è stato arrestato per lesioni personali aggravate e minaccia aggravata. 

Sono i carabinieri di Castel Frentano e di Lanciano che si occupano della vicenda. Hanno ascoltato i testimoni e ricostruito l'accaduto.

La donna è ricoverata in Utic, Unità di terapia intensiva cardiologica.

15 ott. 2023 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 16379

Condividi l'Articolo