Sono stati lavori lunghi e complessi quelli di riqualificazione, consolidamento e restauro della chiesa di Santa Maria Maggiore una delle più antiche di Lanciano (Ch), tra gli edifici sacri più importanti d’Abruzzo e monumento nazionale dal lontano 1902.

Imponente e suggestiva, nel cuore del centro storico, nel quartiere Civitanova, la chiesa sarà restituita alla città il prossimo 19 marzo, festa di San Giuseppe, con la celebrazione della santa messa alle ore 18. L’annuncio, questa mattina, all’interno del santuario, è arrivato da Monsignor Emidio Cipollone

Una rinascita per don Domenico di Salvatore, direttore dell’ufficio per i beni culturali e parroco di Santa Maria Maggiore che saluta con gioia la riapertura della chiesa che versava in condizioni critiche. Una situazione che necessitava di interventi urgenti come ha spiegato l’ingegner Angelo Di Monte, tecnico della curia; mentre Emanuela Criber, architetto della Soprintendenza archeologica, si è soffermata sui lavori di pavimentazione, intonaci, luci, riscaldamento.

Un’opera impegnativa che ha richiesto tempi lunghi, attraversati anche dalla pandemia che ha sensibilmente rallentato gli interventi. Resta ora il terzo lotto dei lavori, quelli destinati al restauro della facciata e poi la chiesa di Santa Maria Maggiore tornerà in tutto il suo splendore. Con la piazzetta che sarà liberata anche dalle auto, ha assicurato il sindaco Filippo Paolini. 14 mar. '24

Servizio di PINA DE FELICE e MASSIMILIANO BRUTTI

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1423

Condividi l'Articolo