8 marzo. Nel Centro operativo delle Poste a Pescara giardino di rose contro la violenza sulle donne
GUARDA LE FOTO

Un fiore che diventa un simbolo...

In tutta la provincia di Pescara, tra uffici postali e centri di distribuzione, le donne sono il 65% dell’intero personale, 12 punti in più rispetto alla media di Poste Italiane a livello nazionale. Donne in maggioranza anche nel Centro operativo cittadino, dove la presenza femminile arriva a comprendere il 54% della forza lavoro e fornisce un contributo importante in tutti i settori di attività dell’imponente struttura di via Volta.

"Il Centro operativo – viene spiegato in una nota - ha un peso specifico rilevante nella logistica abruzzese poiché si occupa, tra l’altro, di alimentare con pacchi e corrispondenza tutti i centri di distribuzione delle province di Pescara e Chieti e parzialmente le province di Teramo e Campobasso. Nell’ambito dei processi logistici, inoltre, gestisce anche pacchi e corrispondenza in uscita dagli stessi territori. Un lavoro importante, che richiede impegno, condivisione degli sforzi e attenzione al risultato da parte di tutto il personale. Basti pensare che durante i periodi di picco il centro arriva a smistare fino a 12mila pacchi a notte”.

Da qualche tempo, terminata la giornata di lavoro, prima di rientrare a casa i dipendenti hanno un’ultima mansione da svolgere: la cura di uno spazio verde dove fioriscono rose, narcisi, gigli e tulipani. A raccontare la singolare iniziativa, nata lo scorso anno per opera di alcuni dipendenti maschi, è il responsabile della struttura Alessandro Sabatini: “E' partito tutto nella passata primavera e in modo spontaneo, con la piantumazione di talee di rose nel piccolo appezzamento di terra del piazzale prospiciente il nostro stabilimento. Un’area di circa 80 metri quadrati, bonificata e recuperata da dipendenti che al termine del turno hanno cominciato a prendersi cura di quest'area".

Un impegno che a distanza di qualche mese ha prodotto i primi risultati, come spiega il direttore: "E' stato un continuo fiorire di rose: oltre cento, diventate un omaggio a tutte le colleghe. Bellissimi momenti, tutte le donne si sono fatte immortalare con la rosa ricevuta in dono, con commozione e un sorriso. Questo giardino – viene sottolineato - è il nostro modo di promuovere la cultura del rispetto verso le donne e di condannare con forza ogni tipo di violenza su di loro. Un’attenzione che nel nostro Centro si concretizza anche attraverso altri piccoli gesti quotidiani, dalla massima disponibilità per un cambio turno oppure il lasciare loro il parcheggio”.

Negli 80 uffici postali della provincia di Pescara le donne rappresentano il 70% del personale (secondo dato più alto in Abruzzo, dopo Chieti). Donne in netta maggioranza in tutti i 13 uffici postali di Pescara, con un rapporto in molti casi raggiunge o supera il 75%. Tra questi, quello di viale Luisa D’Annunzio (Pescara 3), dove in questi giorni tutti i dipendenti, compreso il direttore Luciano Potenza, stanno indossando il fiocco rosso simbolo della lotta contro la violenza sulle donne. 08 mar. 2024

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 767

Condividi l'Articolo