Al via oggi a Lanciano (Ch) la 59esima edizione della Fiera nazionale dell'Agricoltura, inaugurata tra applausi e brindisi e che andrà avanti fino al 5 settembre prossimo. Una "rassegna della ripartenza", come l'ha definita il presidente di Lancianofiera, Franco Ferrante, nel suo intervento.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

"Dopo il fermo Covid - ha detto - abbiamo scelto di ricominciare partendo da quella che da sempre è considerata il nostro fiore all'occhiello. Questa edizione dopo i mesi complicati della pandemia, è davvero speciale, con 160 espositori che, nonostante il momento difficile, hanno scelto di ricominciare proprio dalla Fiera, dal luogo dove da quasi 60 anni si incontrano la domanda e l'offerta. Ed è un segnale importante che testimonia come questo appuntamento, al di là di green pass e mascherine obbligatorie, resta irrinunciabile per gli addetti ai lavori e per quanti hanno a cuore il futuro dell'agricoltura, settore strategico dell'economia in Abruzzo".

A sottolineare l'efficacia di questa fiera l'assessore al ramo e vice presidente della Giunta regionale, Emanuele Imprudente. "L'agricoltura è un comparto fondamentale e colgo l'occasione per ringraziare quelli che operano in questo comparto e che hanno mostrato coraggio e voglia di ricominciare: questa rassegna, in cui la storia si incrocia con la realtà, ne è l'esempio concreto”. Il direttore regionale Abruzzo e Molise di Bper Banca, Giuseppe Marco Litta: "Siamo presenti a questa edizione con una squadra nutrita e con la consapevolezza dell'importanza di mettersi a disposizione delle imprese, specie dopo le difficoltà dovute al coronavirus".

"Non si può parlare di nazione se non ci sono contadini e artigiani", ha detto Mario Pupillo, sindaco di Lanciano e presidente della Provincia di Chieti, prendendo in prestito una frase del grande Pasolini – il mio grazie sincero e sentito va a tutti quelli che hanno reso possibile l'allestimento di questa particolare edizione".

Due i padiglioni occupati dagli stand e l'immancabile area esterna dove a fare la parte del leone sono sempre i trattori e i mezzi agricoli più pesanti. Sono presenti le associazioni di categoria Cia e Coldiretti e l'istituto agrario “Cosimo Ridolfi” di Scerni.

Questa mattina già le file all'ingresso, che è gratuito. “Necessario il green pass per entrare in fiera, la mascherina è obbligatoria nei padiglioni e pure all'esterno – ha puntualizzato ancora una volta l'ingegner Francesco De Marzo che si è occupato proprio della sicurezza -.Non vogliamo limitare la libertà ma garantire la serenità di chi decide di venire in fiera. Ci affidiamo anche al buon senso di espositori e visitatori e al rispetto che ognuno dovrebbe avere nei confronti dell'altro. I primi controlli saranno effettuati all'ingresso, poi si entra e si passa attraverso un tunnel dove tutti saranno igienizzati prima di entrare nel padiglione”. Presenti alla cerimonia inaugurale anche gli assessori regionali Nicola Campitelli, Nicoletta Verì e Daniele D'Amario.

Interviste ai protagonisti. 03 sett. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

Servizio a cura di Massimiliano Brutti

totale visualizzazioni: 3727

Condividi l'Articolo